QR code per la pagina originale

Chrome OS: un’app al posto della password?

In futuro per accedere ai laptop Chromebook con piattaforma Chrome OS non servirà più digitare la password: basterà interagire con un'applicazione Android.

,

L’autenticazione degli utenti rappresenta un tema delicato, sia che si parli del mondo online sia che ci si riferisca a piattaforme in locale. L’approccio impiegato oggi è a grandi linee lo stesso da decenni: il terminale chiede all’utilizzatore di inserire le credenziali di login, analizzandole poi per fornire l’accesso o meno ad un’area riservata, ad un sistema operativo, ad un documento protetto ecc. In futuro le cose potrebbero andare però diversamente.

Google è già da tempo al lavoro su quella che potrebbero essere definita come la “password 2.0”, ovvero un sistema innovativo che possa sostituire quello tradizionale. Sono due i progetti resi pubblici in passato dal gruppo di Mountain View: il primo prevede l’impiego di un piccolo dispositivo USB da inserire all’occorrenza nel computer, mentre il secondo addirittura affida la gestione dei codici segreti ad un accessorio da indossare, ad esempio un anello. Spulciando la documentazione pubblicata dal team di Chromium OS, si scopre che presto per sbloccare un laptop con sistema operativo Chrome OS si potrà ricorrere ad uno smartphone Android.

Lo svela una API chiamata “chrome.screenlockPrivate”. La descrizione fornita è molto breve (“L’API permette di selezionare alcune applicazioni per controllare lo ScreenLocker di Chrome OS”), con maggiori dettagli sono raccolti in un file allegato. Eccone riportato di seguito un estratto.

Un’applicazione potrebbe utilizzare le API USB, NFC o Bluetooth per comunicare con un secondo dispositivo come smartphone, anelli, orologi o badge, permettendo ai due device di funzionare come forma di autenticazione alternativa per l’utente.

In altre parole: trovandosi di fronte alla schermata di login di un Chromebook si potrà scegliere di digitare la password come avviene oggi, oppure effettuare l’accesso tramite un’applicazione sullo smartphone, un software in esecuzione sullo smartwatch o avvicinando un anello con modulo NFC al computer. Al momento non è dato a sapere quando Google ha intenzione di introdurre una funzionalità di questo tipo in Chrome OS.