QR code per la pagina originale

Il 34% degli italiani non ha mai usato internet

Secondo l'Eurostat, in Europa cresce l'uso di internet e dei servizi di e-government. Male l'Italia: il 34% dei cittadini non ha mai utilizzato internet

,

Secondo una ricerca dell’Eurostat, tra gli stati membri dell’Unione Europea, cresce l’uso di internet. Nel 2013, il 79% delle famiglie accede ad internet e il 76% possiede una connessione a banda larga. Numeri incoraggianti se confrontati rispettivamente con il 55% e il 42% del 2007. Inoltre, per i cittadini europei, utilizzare internet è una prassi di ogni giorno. Secondo i dati dell’Eurostat, il 62% delle persone utilizza almeno una volta al giorno la rete e il 10% almeno una volta a settimana.

Solo il 21% dei cittadini europei dichiara di non aver mai utilizzato internet, un valore in netto calo rispetto al 37% del 2007. E in Italia? Andando a leggere specificatamente i dati relativi al nostro Paese appare molto chiaro che nel digitale molta strada andrà ancora fatta. Solo il 69% delle famiglie italiane accede ad internet e solo il 68% possiede una connessione a banda larga. Numeri che testimoniano un certo ritardo rispetto alla media europea. Non vanno nemmeno meglio i dati relativi all’uso effettivo della rete. Solo il 54% degli italiani accede con frequenza ad internet, il 2% almeno una volta a settimana ma purtroppo ben il 34% dichiara di non aver mai utilizzato internet. Dei numeri italiani copisce sopratutto il dato di chi dichiara di non utilizzare mai il web. Peggio di noi in Europa da questo punto di vista fanno solo la Grecia (36%), la Bulgaria (41%) e la Romania (42%).

I Paesi virtuosi sono quelli del nord Europa. Le famiglie che accedono di più ad internet in Europa sono quelle dell’Olanda (95%), Lussemburgo (94%), Danimarca (93%) e Svezia (93%). In questa particolare classifica i Paesi più indietro sono: Bulgaria (54%), Grecia (56%) e Romania (58%). Anche la penetrazione della banda larga è più alta nei Paesi nordici, con la Finlandia che ha fatto segnare un ottimo 88%. Viene da se che anche nell’utilizzo medio della rete, i più virtuosi siano sempre i Paesi del nord Europa. Nel 2013 sono stati i cittadini della Danimarca ad usare ogni giorno o quasi internet con una media dell’84%. A seguire gli olandesi, i lussemburghesi, gli svedesi, i finlandesi e gli abitanti del Regno Unito.

E-government in Europa

L’Eurostat ha voluto anche verificare l’uso dei servizi di e-government in Europa scoprendo che in media, il 41% dei cittadini usa i servizi digitali offerti dalla pubblica amministrazione. L’Italia, anche in questa particolare classifica non si posiziona affatto bene. Solo il 21% dei cittadini italiani dichiara di utilizzare i servizi di e-government. Peggio di noi solo la Romania con il 5%. C’è da rilevare che sono comunque principalmente sempre i Paesi nordici ad alzare molto la media di questa classifica. Tra i Paesi più virtuosi in tale senso: Danimarca (85%), i Paesi Bassi (79%), Svezia (78%), Finlandia (69%), Francia (60%), Lussemburgo (56%), Austria (54%) e Slovenia (52%).

Tra i motivi per cui i cittadini accedono ai servizi di e-government, la ricerca evidenzia l’invio della dichiarazione dei redditi, la richiesta di documenti personali, questioni legate alla sicurezza sociale e all’iscrizione alla scuola.

Fonte: Commissione Europea • Immagine: Il Giorno • Notizie su: