QR code per la pagina originale

Google+ a Natale regala il video Year in Review

Chi ha attivato il Backup automatico per l'upload delle foto e dei video su G+ riceverà un regalo da bigG: un filmato con i momenti più belli dell'anno.

,

Di recente Google+ ha introdotto la funzionalità Auto Awesome, che entra in azione ogni volta che si caricano fotografie o video sul social network. La sua utilità è quella di ottimizzare i contenuti, correggendo parametri come luminosità, contrasto, rimuovendo il fastidioso effetto “occhi rossi” e molto altro ancora. All’occorrenza, G+ può addirittura mettere insieme tutto il materiale relativo ad uno specifico evento e creare un filmato in modo automatico.

Oggi il gruppo di Mountain View svela il suo regalo di Natale per gli utenti, un filmato intitolato Year in Review. Per spiegare di cosa si tratta sono intervenuti sia Anil Sabharwal che Vic Gundotra.

È il periodo dell’anno in cui ci si ricongiunge con le persone amate e si riflette sui momenti davvero importanti. Le fotografie e i video aiutando a conservare questi momenti e, quando li si salva su Google+, Auto Awesome può portare in vita le storie, in un modo magico.

Year in Review assembla automaticamente le immagini più significative e i filmati migliori caricati dall’utente nel corso del 2013, generando un video che ripercorre gli ultimi dodici mesi, da condividere con i propri familiari durante il cenone o mostrare agli amici festeggiando capodanno.

Ovviamente, molte persone hanno salvato e condiviso fotografie o video su Google+ durante tutto l’anno. Per questi utenti abbiamo un regalo speciale: il filmato Auto Awesome Year in Review.

Gli interessati riceveranno una notifica nel corso della prossima settimana che permetterà loro di vedere il video in questione non appena disponibile. Si tratta dunque dell’ennesima iniziativa con la quale Google+ cerca di differenziarsi dal suo concorrente principale nel panorama 2.0: Facebook. Il gap da colmare nei confronti del social network di Menlo Park è ancora significativo, ma puntando su funzionalità di questo tipo la piattaforma di Mountain View intende giocare tutte le carte a sua disposizione.

Fonte: Vic Gundotra su Google+ • Notizie su: