QR code per la pagina originale

Google Play Music regala Mozart

La raccolta "I Love Mozart" è in download gratuito su Google Play Music, per un tempo limitato: un'occasione imperdibile per chi ama la musica classica.

,

Buone notizie per tutti gli amanti della musica classica: bigG ha deciso di fare un regalo di fine anno a tutti gli iscritti alla piattaforma Google Play Music, regalando la raccolta “I Love Mozart” che raccoglie ben 30 composizioni del maestro austriaco. Basta un click per aggiungerle alla propria raccolta in modo del tutto gratuito e ascoltarle successivamente in streaming oppure scaricarle nella memoria interna del proprio dispositivo mobile.

All’interno dell’iniziativa “Promozione Musica Classica”, si trovano altri 20 album da acquistare al prezzo scontato di 4,99 euro, dedicati ad un artista o ad un particolare strumento. Tra questi anche “I Love Verdi”, “I Love Bach”, “I Love Vivaldi”, oppure “I Love Piano”, “I Love Cello” o ancora “I Love Opera”. Per chi è ancora nel pieno del clima natalizio, inoltre, c’è “I Love Classical Christmas” che raggruppa le musiche tradizionali delle festività rivisitate in chiave orchestrale. Chi è interessato non perda tempo: la promozione è destinata a durare per alcuni giorni, dopodiché i brani torneranno ad essere venduti a prezzo pieno.

La raccolta "I Love Mozart" è in download gratuito su Google Play Music

La raccolta “I Love Mozart” è in download gratuito su Google Play Music

Si segnala che per accedere al download gratuito è necessario aggiungere una carta di credito al proprio account, anche se l’importo da pagare è uguale a zero. Questo perché gli estremi potranno essere utilizzati in futuro per l’eventuale acquisto di altri album, singoli, applicazioni o contenuti multimediali sullo store Google Play.

Wolfgang Amadeus Mozart è nato a Salisburgo il 27 gennaio 1756. Il suo talento si manifestò fin dalla tenera età, con le prime composizioni scritte a soli cinque anni. Morì precocemente a 35 anni, il 5 dicembre 1791 a Vienna, a causa di una malattia che ancora oggi non è stata definita con certezza.