QR code per la pagina originale

Google è ancora al lavoro su Chromoting

Google continua lo sviluppo di Chromoting, un'applicazione che permetterà di controllare computer desktop e laptop attraverso dispositivi Android e iOS.

,

A luglio si è parlato di un’applicazione Android dedicata al controllo del desktop da remoto, in fase di sviluppo da parte di Google. Chiamato Chromoting, il software consentirebbe di effettuare tramite smartphone e tablet ciò che oggi è già possibile con l’estensione Chrome Remote Desktop per il browser di bigG. Da allora non se ne è più discusso, fino al weekend appena trascorso, con la comparsa online di alcune informazioni sul sito ufficiale Chromium (la pagina è stata subito rimossa) che confermano come il progetto non sia stato abbandonato.

A quanto pare l’app arriverà anche su dispositivi iOS, ma in un secondo momento. Al momento il team di Mountain View impegnato nello sviluppo si sta concentrando sull’interfaccia, implementando quelle che saranno le icone visualizzate all’interno della UI. Questo lascerebbe intendere che il codice relativo al funzionamento vero e proprio sia già stato ultimato, con il rilascio previsto a breve. Ovviamente, chi necessità di un software in grado di svolgere questo compito, può affidarsi ad alternative (anche gratuite) già presenti su Google Play, una su tutte Teamviewer.

È impossibile per il momento ipotizzare una data per il lancio. Chromoting, sempre che questo sia il nome definitivo dell’applicazione, potrebbe debuttare già nei prossimi mesi, prima dell’evento I/O 2014 che con tutta probabilità andrà in scena a maggio. Con questo ulteriore tassello l’ecosistema di servizi messi a disposizione da Google ai suoi utenti andrà ad arricchirsi ulteriormente, con una soluzione per controllare i computer desktop o laptop affidandosi a smartphone e tablet. Ecco come François Beaufort ha descritto l’app l’estate scorsa.

Quanto è bella questa prospettiva? Il team Chromium ha iniziato lo sviluppo di un’applicazione Chromoting per Android. Anche se al momento non è in grado di fare molto, è decisamente qualcosa da tenere sotto controllo per il futuro. Nel frattempo, potete sempre sperimentare con l’estensione Chrome Remote Desktop che vi permette di condividere il vostro desktop.

Fonte: Ron Amadeo su Google+ • Via: Android Authority • Notizie su: