QR code per la pagina originale

Nintendo apre ai dispositivi mobile (update)

Il gruppo giapponese sarebbe pronto a lanciare contenuti dimostrativi su smartphone e tablet, per promuovere i titoli destinati alle proprie console.

,

Aggiornamento: Nintendo è intervenuta sulle pagine di Engadget per smentire quanto riportato questa mattina. In sintesi, l’azienda giapponese non ha alcuna intenzione di pubblicare minigiochi su hardware concorrenti, smartphone e tablet compresi.

I rumor e le indiscrezioni dei mesi scorsi stanno per concretizzarsi: Nintendo è pronta ad abbracciare l’universo mobile, con il lancio di contenuti destinati a smartphone e tablet. Manca ormai solo al conferma ufficiale, che dovrebbe arrivare comunque entro la fine della settimana. Il report pubblicato oggi da Nikkei svela i primi dettagli del progetto che avvicinerà il business di Super Mario e co. agli ecosistemi Android, iOS e con tutta probabilità anche Windows Phone.

Non verranno pubblicati giochi veri e propri, bensì versioni dimostrative o minigame distribuiti gratuitamente, in modo da incuriosire gli appassionati di gaming e spingerli ad acquistare le edizioni complete per console. È inoltre probabile il lancio di applicazioni con contenuti informativi sul catalogo Nintendo, ovvero video, schede dettagliate sui videogame, screenshot ecc. In altre parole, l’intenzione è quella di sfruttare la popolarità dei device touchscreen come mezzo promozionale, anziché come vera e propria piattaforma per la commercializzazione dei titoli.

Maggiori dettagli dovrebbero essere diffusi nella giornata di giovedì, durante un incontro tra i vertici della società giapponese e gli investitori. Con una mossa di questo tipo il gruppo cercherà di arginare le perdite fatte registrare di recente, in conseguenza a performance sotto le aspettative da parte di Wii U. Fra tagli di prezzi ufficiali e sconti praticati dai singoli rivenditori, la console non ha finora raccolto il successo sperato ed è ben lontana dal replicare le vendite del predecessore nei primi anni di commercializzazione.

Per risollevare la situazione sarà necessario ampliare il parco titoli, con esclusive di qualità e produzioni di terze parti. A tal proposito suonano però poco incoraggianti le recenti dichiarazioni di Electronic Arts, che si è detta non più interessata a lanciare giochi su Wii U, salvo poi ritrattare il tutto in un secondo momento. Il 3DS resta invece l’handheld più apprezzato dagli appassionati, a discapito di Sony PS Vita.

Fonte: Serkan Toto • Via: GameIndustry International • Notizie su: