QR code per la pagina originale

Youboox: come Spotify, ma per gli eBook

Dalla Francia la piattaforma Youboox: adottando la formula di servizi musicali come Spotify, permette l'accesso illimitato ad un vasto catalogo di libri.

,

Servizi come Spotify, Deezer, Rdio, Grooveshark, Pandora ecc. stanno contribuendo a plasmare nuove dinamiche e nuove modalità di fruizione nel panorama musicale, spalancando le porte a modelli di business fino a qualche anno fa considerati inimmaginabili. Lo stesso vale anche per altre tipologie di contenuti multimediali, ad esempio i film e gli episodi delle serie TV, come dimostra il successo ottenuto da realtà come Netflix e Hulu. Lo stesso potrebbe accadere presto anche con i libri.

Utilizzare il condizionale è d’obbligo, almeno per ora, poiché progetti come Youboox si sono affacciati sul mercato solo di recente. Si tratta di una piattaforma attiva al momento solo in Francia, pensata principalmente per chi legge molto: in modo del tutto simile a quanto avviene con lo streaming musicale, è possibile accedere ad un vasto catalogo di libri (oltre 50.000 titoli) senza alcuna limitazione e senza l’obbligo di acquistare ogni singolo volume. Sono due le formule disponibili: la prima consente l’accesso in modo del tutto gratuito, ma esclusivamente mantenendo attiva la connessione Internet e accettando la visualizzazione di inserzioni pubblicitarie, mentre la seconda elimina gli spot e permette il salvataggio offline degli eBook. Per quest’ultima è necessario sottoscrivere un abbonamento da 9,99 euro al mese.

Saranno ovviamente gli utenti a decretare il successo o il fallimento di un progetto simile. I primi risultati sembrano però incoraggianti, soprattutto se si pensa che riguardano solo il territorio francese: 200.000 iscritti, 2.500 abbonati e 5 milioni di pagine visualizzate in pochi giorni. Altri progetti di questo tipo, ad esempio Scribd, Riddo, Skoobe e 24symbols, stanno raccogliendo consensi sia da parte degli editori che dai lettori. Youboox offre le applicazioni ufficiali per dispositivi Android e iOS, mentre per il momento non c’è traccia del supporto ai telefoni Windows Phone.

Fonte: Youboox • Via: Repubblica • Notizie su: