QR code per la pagina originale

Un esperimento Chrome con i mattoncini LEGO

Build with Chrome è il nome del nuovo Chrome Experiment: una piattaforma per costruire qualsiasi cosa con in mattoncini LEGO, direttamente nel browser.

,

LEGO: The Movie debutterà nelle sale cinematografiche italiane il 20 febbraio, portando sul grande schermo una pellicola interamente dedicata all’universo dei mattoncini colorati. Approfittando dell’attenzione mediatica focalizzata sul brand, oggi Google presenta un nuovo esperimento realizzato per mettere in luce le potenzialità del browser Chrome: una vera e propria piattaforma per dare libero sfogo alla fantasia e dar vita a qualsiasi creazione, tassello dopo tassello.

Pensateci: avete appena rovesciato un secchiello di mattoncini lego sul pavimento, provocando il loro inconfondibile e soddisfacente rumore, avendo davanti un’intera giornata per costruire ciò che volete. C’è qualcosa di magnifico nel poter dar vita alle proprie idee, pezzo dopo pezzo, solamente con una serie di blocchi colorati.

Compatibile con computer desktop (o laptop), smartphone e tablet, Build with Chrome è in sostante un editor ricreato all’interno del browser, che permette di selezionare diverse tipologie di blocchi LEGO, cambiarne il colore a piacimento, ruotarli e infine posizionarli su un piano. In questo modo è possibile creare edifici, animali, personaggi o qualsiasi altra cosa si desidera, proprio come si farebbe trovandosi di fronte ad una scatola colma di mattoncini da incastrare uno sopra l’altro. Il filmato in streaming di seguito spiega in modo piuttosto chiaro e dettagliato ciò di cui si sta parlando.

Una prova di forza per la tecnologia WebGL, che consente il rendering di elementi complessi in 3D nel software solitamente dedicato alla navigazione online e l’interazione da parte dell’utente in tempo reale, sia attraverso mouse e tastiera che mediante display touchscreen. Al tutto è stato poi conferito un tocco social, con la possibilità di vedere le creazioni realizzate dalle persone inserite nelle proprie cerchie di Google+. Un passatempo divertente o, per dirla con altre parole, un vero e proprio rischio per la produttività in ufficio: iniziare è semplice, fermarsi decisamente meno.