QR code per la pagina originale

Apple assume un esperto sul sonno per iWatch

Apple avrebbe assunto Roy JEM Raymann per il team al lavoro su iWatch. Si tratta dell'esperto nella ricerca sul sonno che finora ha lavorato in Philips.

,

Apple ha assunto Roy JEM Raymann, uno dei massimi esperti di Philips nella ricerca sul sonno e nel monitoraggio delle attività sportive dell’utente tramite dispositivi. Da adesso le sue competenze saranno utili allo sviluppo di iWatch, come riportato da 9to5Mac.

Raymann ha lavorato su numerosi progetti Philips relativi a sensori e a sistemi di monitoraggio del sonno e delle attività fisiche, progettati per migliorarne la qualità in maniera semplice e intuitiva senza dunque dover ricorrere ad aiuti farmacologici. Ha diretto ricerche in due gruppi (Consumer Lifestyle Sleep Research Program e Brain, Body and Behaviour Group) e fondato lo Sleep Experience Laboratory, ovvero un istituto di ricerca sulla qualità del sonno.

La casa olandese non ha confermato il passaggio di Raymann ad Apple ma ha reso noto che egli ha effettivamente lasciato Philips all’inizio di gennaio, per tale motivo è lecito credere che oramai faccia davvero parte del team Apple. Facile comprendere perché le sue competenze potrebbero essere di aiuto a Cupertino: i settori in cui è esperto si inseriscono infatti perfettamente nel quadro che si va delineando per iWatch, l’atteso e chiacchierato primo smartwatch con la mela morsicata su cui Apple sarebbe già al lavoro da tempo.

La nuova assunzione conferma che Apple è molto interessata a realizzare un prodotto (o più) capace di monitorare non solo le attività fisiche ma anche la qualità del sonno dell’utente, funzioni che dovrebbero pertanto essere integrate nell’iWatch oltre a quelle biofisiche come il monitoraggio del battito cardiaco, temperatura del corpo o quantità di ossigeno presente nel sangue. Il gruppo di Tim Cook starebbe dunque sviluppando un orologio non solo in grado di fornire le tipiche funzioni da smartwatch ma anche quelle capaci di migliorare la vita di chi ne indosserà uno.

Nel luglio dello scorso anno, Apple ha iniziato a costruire una squadra di esperti in sensori e in fitness che lavorino esclusivamente sui dispositivi indossabili; da allora, ha continuato ad assumere altri esperti provenienti dal settore della medicina e del fitness e, di recente, avrebbe iniziato anche lo sviluppo di una nuova app (nome in codice Healthbook), in grado di tracciare le statistiche inerenti alle attività fisiche e ai parametri vitali dell’utente. Tutto ciò dovrebbe appunto esser integrato in iWatch.

Fonte: 9to5Mac • Via: Apple Insider • Immagine: Flickr • Notizie su: Apple Watch, , ,