QR code per la pagina originale

Bitcoin vince il premio TechCrunch

Peter Vessenes, presidente della Fondazione Bitcoin, ha ritirato il premio di TechCunch alla crittomoneta: tecnologia più importante del 2013.

,

La crittomoneta più famosa e discussa del mondo è stata premiata dal palco di TechCrunch. Gli awards tecnologici più in auge non hanno dimenticato l’incredibile ascesa dei Bitcoin nell’ultimo anno e così hanno deciso, sorprendendo molti commentatori, di premiare un’idea del web che non ha padroni né business. A ritirare il premio, infatti, è andato il presidente della Fondazione Bitcoin.
Nell’elenco dei premiati di quest’anno non mancano davvero i nomi che hanno catturato l’attenzione della blogosfera.

Ad esempio, Edward Snowden che con le sue rivelazioni ha creato il Datagate, è stato insignito del premio “Biggest Social Impact”. Anche in questo caso il premiato non ha potuto essere presente, dato che se si fosse presentato di persona sarebbe stato immediatamente arrestato. Nel gruppo non mancavano altri nomi eccellenti del web civile, StopWatching.Us, un gruppo di protesta contro la sorveglianza globle, Code.org, che ha l’obiettivo di aiutare i bambini a imparare a scrivere in codice, ma Snowden ha avuto la meglio.

Il premio a Bitcoin

Tom Krazit di GIGAOM ha consegnato poche ore fa il premi nelle mani di Peter Vessenes, presidente della Fondazione Bitcoin, recentemente coinvolta per l’arresto di Charlie Shrem, l’ex vice della fondazione subito dimessosi, accusato dalla DEA di riciclaggio per il traffico di stupefacenti. Una vicenda molto delicata, che ha sollevato un certo imbarazzo nel mondo che lavora al network peee-to-peer alla base della crittovaluta. Ma secondo la giuria di TechCrunch, questa tecnologia è dirompente:

Dal momento che nessuna persona ha fatto il Bitcoin, il premio va all’idea e agli uomini e donne laboriosi di tutto il mondo che mantengono i miners e migliorano il protocollo. È anche un momento emozionante per gli economisti, che sono tornati improvvisamente utili mentre cercano di spiegare i capricci del pricing di questa moneta.

Peter Vessenes, presidente della Fondazione Bitcoin, ha ritirato il premio TechCrunch per la migliore tecnologia del 2013.

Peter Vessenes, presidente della Fondazione Bitcoin, ha ritirato il premio TechCrunch per la migliore tecnologia del 2013. (immagine: video TechCrunch).

Peter Vessenes, dal canto suo, ha spiegato che il Bitcoin ha davanti a sé ancora molto sviluppo:

Si può dire che nel 2013 la fondazione ha speso il suo tempo a sostegno di questa tecnologia, ma molte aziende hanno bisogno ancora di documentazione sui Bitcoin, molte sono interessate ma devono ancora capire come sfruttare la crittomoneta. Hanno anche bisogno di supporto a Washington, nel mondo politico, ed è quello che facciamo. I politici sono molto interessati, ovviamente, all’aspetto della criminalità finanziaria, ma sono anche orgogliosi che siano gli americani a guidare la riflessione sui Bitcoin.

Fonte: TechCrunch • Immagine: techcrunch • Notizie su: , ,