QR code per la pagina originale

Da Google un’app per connettersi agli hotspot WiFi

,

Google è al lavoro su una nuova applicazione il cui obiettivo è quello di rendere più semplice, se non del tutto automatica, la connessione agli hotspot wireless con i dispositivi mobile. Il rumor è comparso nelle ore scorse sulle pagine di Engadget, che dichiara di aver ricevuto le informazioni da una fonte ritenuta attendibile ma rimasta volutamente anonima. A quanto pare, l’app è in fase di preparazione sia nella versione Android che in quella destinata a smartphone e tablet iOS.

Il funzionamento è piuttosto semplice: una volta individuati punti d’accesso a Internet liberi e gratuiti, il software si occupa di effettuare la connessione autonomamente, permettendo agli utenti di sfruttare questo tipo di rete finché ci si trova all’interno del suo raggio d’azione, risparmiando così sul traffico dati fornito dal proprio operatore mobile. Questo potrebbe tornare utile, ad esempio, nelle caffetterie Starbucks, oppure in tutti quei locali o ristoranti che offrono il servizio ai loro clienti. Al momento l’applicazione è in fase di test presso gli uffici di Mountain View e non è dato a sapere quando verrà messa a disposizione di tutti.

Oggigiorno, chi siede ad un tavolo di Starbucks e desidera connettersi a Internet con il network offerto dalla catena di ristorazione deve prima aprire il browser e accettare le condizioni di utilizzo. Con un sistema come quello in fase di preparazione da parte di bigG questo passaggio potrebbe scomparire. Come? L’ipotesi più probabile è sfruttando le credenziali di login degli account Google e installando un certificato di sicurezza all’interno del dispositivo, a cui ricorrere in fase di connessione per effettuare il login.

L’intenzione del gruppo californiano è chiaramente quella di favorire la connessione degli utenti al Web, anche in mobilità. Per questo motivo l’azienda ha in programma l’installazione di centinaia di nuovi hotspot nelle città di Stati Uniti e Canada, con progetti come quello che vede il motore di ricerca impegnato al fianco di realtà come Boingo, da anni operante nell’ambito dell’accesso a Internet attraverso tecnologie wireless.