QR code per la pagina originale

Microsoft: Stephen Elop guiderà la divisione Device

Stephen Elop sostituirà Julie Larson-Green alla guida della divisione Devices & Studios, alla quale verrà aggiunta la divisione Devices & Services di Nokia.

,

Stephen Elop era uno dei candidati al ruolo di CEO Microsoft, ma il posto è stato occupato da Satya Nadella. Per l’ex CEO di Nokia si aprono però le porte per un ruolo altrettanto importante. Elop diventerà infatti il Vice Presidente della divisione Devices and Studios e quindi sostituirà Julie Larson-Green, quando verrà completata l’acquisizione di Nokia Devices & Services.

La transizione dovrebbe essere terminata entro la fine del primo trimestre. Oltre ad avere la responsabilità per lo sviluppo dell’hardware (Xbox, Surface, smartphone e accessori), Elop si occuperà anche di giochi, intrattenimento e contenuti premium, come Xbox Music e Xbox Video. Prima di diventare CEO di Nokia, Elop aveva guidato la divisione Business di Microsoft da gennaio 2008 a settembre 2010, periodo durante il quale era stata lanciata la suite Office 2010. Il dirigente canadese, che ha contribuito al passaggio da Symbian a Windows Phone, tornerà quindi nel campus di Redmond.

Julie Larson-Green, nonostante lavori in Microsoft da oltre 20 anni, cambierà ruolo per la terza volta in due anni (seconda volta in 7 mesi). A novembre 2012, in seguito all’abbandono di Steven Sinofsky, è stata scelta da Ballmer per guidare la divisione Windows. Con la riorganizzazione interna di luglio 2013, la divisione Operating Systems è stata assegnata a Terry Myerson, mentre la Larson-Green ha ottenuto il ruolo di Vice Presidente della divisione Devices and Studios. Ora invece diventerà Chief Experience Officer (CXO) del team My Life & Work all’interno della divisione Applications and Services di Qi Lu.

Come Chief Experience Officer, Julie Larson-Green si occuperà dell’esperienza d’uso dei prodotti Microsoft, ovvero della progettazione delle interfacce di software e servizi. Contrariamente a quanto si possa pensare, non si tratta di un ruolo di secondo piano. Il successo di un prodotto dipende per buona parte dalla semplicità dell’ambiente di lavoro e dalla facilità con cui gli utenti eseguono le principali operazioni. Purtroppo per lei, qualcosa non ha funzionato bene con Windows 8.

Fonte: The Verge • Notizie su: ,