QR code per la pagina originale

Nissan BladeGlider, l’auto elettrica del futuro

Già mostrata a Tokyo lo scorso anno, BladeGlider ha fatto il suo debutto in Europa al Salone dell'auto di Ginevra: ecco la concept car elettrica di Nissan.

,

Tra i concept più innovativi mostrati al Salone dell’auto di GinevraNissan BladeGlider merita una menzione particolare. Ispirata al design della Zeod RC che parteciperà alla 24 ore di Le Mans, la vettura basa il proprio funzionamento sullo stesso propulsore che muove il modello Leaf, con due motori elettrici che possono operare in modo indipendente (per distribuire al meglio la trazione) garantendo zero emissioni nocive. Tra le caratteristiche maggiormente interessanti la ripartizione del peso, quasi interamente (70%) spostato nella parte posteriore, grazie al posizionamento delle batterie sopra le due ruote.

Il veicolo può ospitare tre persone, un conducente e due passeggeri alle sue spalle. Particolare anche il funzionamento delle portiere ad ali di gabbiano, che quando si aprono spostano automaticamente il sedile anteriore verso destra o sinistra, facilitando così l’ingresso o l’uscita dall’auto da parte di chi si trova al volante. La posizione centrale del conducente risulta inoltre funzionale per l’impianto frenante e per garantire la stabilità del mezzo. Il designer che si è occupato di creare il profilo della vettura è piuttosto ottimista in merito ad un suo futuro debutto sul mercato: ecco le parole di Ben Bowlby, già al lavoro anche sulla monoposto da corsa DeltaWing.

Sono certo che la BladeGlider incontrerà inizialmente dello scetticismo, ma dopo lunghi test in pista con l’aiuto di piloti esperti potrà diventare una delle migliori auto sul mercato.

Secondo il product planning chief  Andy Palmer, Nissan BladeGlider entrerà in produzione non più tardi del 2019, con l’ambizioso obiettivo di rivoluzionare il settore delle auto elettriche, puntando su prestazioni elevate, un’autonomia di 320 Km con una singola ricarica ed un prezzo di vendita relativamente contenuto, soprattutto se si tiene in considerazione il livello d’innovazione integrato: meno di 30.000 sterline, circa 35.000 euro. Ovviamente l’aspetto e le specifiche del modello finale potrebbero variare rispetto a quanto visto nei giorni scorsi tra i padiglioni del Salone di Ginevra.

Fonte: EVO • Via: The Engineer • Notizie su: ,