QR code per la pagina originale

PonoMusic, l’anti-iPod per i veri appassionati

Neil Young anticipa PonoMusic, un nuovo lettore musicale dedicato ai veri appassionati di musica: sarà capace di riprodurre brani in altissima qualità.

,

Neil Young si appresta a presentare PonoMusic, un progetto dedicato agli appassionati di musica che desiderano ascoltare i propri brani preferiti ovunque si trovino, ma sempre con una grande qualità. Il reveal avverrà durante l’SXSW di domani ma nel frattempo ne sono stati annunciati i dettagli: il lettore musicale sarà chiamato PonoPlayer, costerà 399 dollari e arriverà al pubblico con uno storage da 128 GB. Sarà possibile prenotarlo dal 15 marzo tramite Kickstarter.

PonoPlayer è stato sviluppato in collaborazione con Ayre Acoustics e, secondo Neil Young, è in grado di memorizzare dai mille ai duemila album musicali in formato digitale, ma ad alta risoluzione: è infatti realizzato con circuiti di zero feedback e un filtro digitale che blocca ogni suono non naturale. Per questo anti-iPod di nuova generazione saranno anche disponibili delle schede di memoria proprietarie che permetteranno di memorizzare e riprodurre una ulteriore quantità di album digitali.

PonoPlayer

PonoPlayer (immagine: PonoMusic).

Il lettore musicale è accompagnato da un software per computer che permetterà di gestire i file musicali, dunque di scaricare e sincronizzare tutta la musica desiderata. Secondo quanto comunicato da Young, lo store offrirà la musica digitale di migliore qualità e a più alta risoluzione sia dalle case discografiche principali che dalle etichette indipendenti di primo piano. I dati sui file musicali hr sono attualmente limitati ma, considerando la capacità di archiviazione di PonoPlayer, diversi esperti in ambito musicale hanno espresso già una prima preoccupazione per le dimensioni di ogni file e per la compressione.

Nel suo libro Waging Heavy Peace, Neil Young ha tuttavia discusso dei primi giorni del progetto Pono, quando si chiamava PureTone, affermando che «un MP3 contiene circa il 5% dei dati che possono esser trovati in un file di PureTone ». L’argomento della compressione potrebbe pertanto essere cruciale ma, secondo l’ideatore del progetto, «sentire Pono per la prima volta è come avvertire quella prima esplosione di luce quando si lascia una sala cinematografica in un giorno di sole». Il progetto sembra pertanto molto promettente e capace di riscuotere l’interesse dei veri audiofili: per conoscerne i dettagli sarà sufficiente attendere le prossime ore, quando sarà presentato ufficialmente in occasione dell’SXSW.