QR code per la pagina originale

Google Play Services 4.3, tutte le novità

In fase di rollout l'aggiornamento alla versione 4.3 per Google Play Services: tante le novità introdotte, riguardanti Play Games, Drive e molto altro.

,

Ha preso il via nella notte, in tutto il mondo, il rilascio dell’aggiornamento ufficiale di Google Play Services alla versione 4.3. Le novità introdotte sono numerose, molte delle quali indirizzate soprattutto agli sviluppatori. Per gli utenti una delle più interessanti riguarda quanto anticipato ieri in relazione a Google Play Games, con la possibilità di inviare e ricevere regali in-game per i propri giochi preferiti.

Google Play Games

Come già detto, la novità principale riguarda l’introduzione dei “game gift” annunciati alla GDC 2014, che consente ai giocatori di inviare richieste ai propri amici per ottenere un aiuto, un potenziamento o altri elementi in-game. Ovviamente è possibile effettuare anche l’operazione inversa, ovvero spedire un contenuto agli altri. Ci vorrà del tempo prima che la funzionalità possa essere implementata in tutti i titoli del catalogo, ma rappresenta senz’altro un aggiunta importante per il gaming su Android, così come le feature multiplayer.

Google Drive

L’API di Google Drive è stata aggiunta a Play Service nelle versioni precedenti, ma questo aggiornamento introduce alcune funzionalità aggiuntive come la possibilità di selezionare i file per la consultazione offline, creare cartelle, ricevere notifiche attraverso le applicazioni quando sono state apportate modifiche ai documenti da parte dei collaboratori.

Nuove API

Oltre a quanto già elencato, sono state aggiunte nuove API in Google Play Services, così da semplificare notevolmente la vita agli sviluppatori. Eccole.

  • Google Analytics: permette di monitorare una grande quantità di informazioni statistiche sull’utilizzo dell’app;
  • Google Tag Manager: consente agli sviluppatori di cambiare l’aspetto delle loro applicazioni in modo veloce, senza l’obbligo di rilasciare un aggiornamento su Play Store;
  • Address API: permette alle applicazioni di accedere agli indirizzi salvati nelle impostazioni relative alla geolocalizzazione, ad esempio “casa” e “lavoro”, così da poterle utilizzare in varie situazioni, come la compilazione automatica dei moduli.

Tornando ai giochi, sono finalmente state introdotte le nuove categorie per meglio organizzare la sezione di Play Store dedicata ai titoli videoludici. Anziché 18 come detto nei mesi scorsi, sono però 20: Google ha infatti deciso di includere anche “Sfondi animati” e “Widget”, differenziandole dalle omonime sezioni che continuano a restare attive per quanto riguarda le app. Stando alle prime reazioni, pare che la scelta stia creando un po’ di confusione negli utenti.

Le nuove categorie della sezione Giochi su Play Store

Le nuove categorie della sezione Giochi su Play Store

Fonte: Android Police • Notizie su: