QR code per la pagina originale

Mondiali FIFA Brasile 2014, trailer di gameplay

EA Sports ha pubblicato il primo trailer in cui è possibile ammirare il gameplay del titolo Mondiali FIFA Brasile 2014, dal 17 aprile su PS3 e Xbox 360.

,

EA Sports ha diffuso in Rete il primo filmato in cui è possibile dare uno sguardo al gameplay di Mondiali FIFA Brasile 2014, videogioco ufficiale dedicato al campionato mondiale che andrà in scena a giugno. La pubblicazione è prevista in esclusiva sulle console PlayStation 3 e Xbox 360 per il 17 aprile. Non si tratterà di un DLC per FIFA 14 oppure di un titolo proposto a prezzo ridotto: 69,99 euro, questo il costo che già praticano alcuni rivenditori online durante il pre-ordine.

Il gioco consentirà di scendere in campo con tutte le 203 nazionali che hanno preso parte alle gare di qualificazione, con una decina di modalità differenti, ovviamente sia in singolo che affrontando sfide multiplayer. Anche gli stadi saranno riprodotti fedelmente sulla base di quelli brasiliani e, grazie alla licenza ufficiale, ogni squadra avrà divise reali, così come le controparti virtuali degli atleti sono state modellate con cura e fedeltà. Per la prima volta nella serie, inoltre, sarà possibile vedere i movimenti degli allenatori sulle panchine, una scelta che si spera di veder confermata anche a partire dal prossimo autunno con la simulazione FIFA 15.

In molti hanno criticato la decisione di non pubblicare Mondiali FIFA Brasile 2014 su PC o per le console next-gen PlayStation 4 e Xbox One. Il team di sviluppo si è giustificato citando le tempistiche troppo strette per adattare il titolo alle nuove piattaforme, che paradossalmente restano così a bocca asciutta in favore di quelle più datate. Anche la base installata, ancora piuttosto contenuta a quattro mesi circa dal lancio, ha spinto EA Sports a optare per un esordio solamente su PS3 e Xbox 360.

Tra i miglioramenti introdotti, uno dei più importanti riguarda i calci di rigore. Chi ha giocato gli ultimi capitoli della serie lo sa bene: padroneggiare i tiri dagli undici metri è una vera e propria impresa, a causa di un sistema di controllo poco preciso e che spesso non replica in campo gli input forniti con il controller. Fortunatamente con il titolo dedicato ai mondiali non sarà più così.