QR code per la pagina originale

Google Traduttore accetta suggerimenti

Novità per Google Traduttore: a partire da oggi gli utenti possono modificare le traduzioni automatiche, così da contribuire al miglioramento del servizio.

,

Chi è solito utilizzare Google Traduttore per migliorare la comprensione dei testi scritti in una lingua straniera forse lo ha già notato: a partire da oggi, la versione Web del servizio permette a chiunque di modificare la traduzione proposta, semplicemente facendo click sul pulsante “Improve this translation” presente nella parte destra della schermata, come visibile nello screenshot allegato di seguito.

Una volta premuto è consentito l’editing di quanto mostrato e un successivo click su “Contribuisci” visualizza infine la nuova frase al posto di quella ritenuta non corretta. Come fa notare un messaggio, l’obiettivo è quello di migliorare la qualità del servizio, che nel corso degli ultimi anni ha già compiuto numerosi passi in avanti: “Il vostro contributo sarà utilizzato per migliorare la qualità delle traduzioni e potrebbe essere mostrato agli utenti in forma anonima”. La redazione del sito The Next Web ha interpellato bigG per un chiarimento, ecco quanto dichiarato.

Google Traduttore impara e continua a migliorare grazie alle traduzioni trovate sul Web. Abbiamo incluso nuovi modi che permettono agli utenti di fornire i loro feedback. Se notate una traduzione non corretta o mal strutturata, potete inviare un suggerimento per migliorare l’intera frase. Vi incoraggiamo a provare questa nuova funzionalità.

Da oggi è possibile modificare le traduzioni proposte dalla versione Web di Google Traduttore, così da contribuire al miglioramento del servizio

Da oggi è possibile modificare le traduzioni proposte dalla versione Web di Google Traduttore, così da contribuire al miglioramento del servizio

Una piccola novità, ma di certo utile per chi è solito affidarsi a Google Traduttore. In passato era possibile modificare una ad una le parole di una frase tradotta, selezionando tra quelle proposte dopo averle evidenziate con un click. Resta da capire se la possibilità di editing sarà introdotta in futuro attraverso un aggiornamento anche nell’applicazione del servizio disponibile per smartphone e tablet.