QR code per la pagina originale

Smartphone e tablet: opportunità ma anche rischi

Secondo il report di "Net Children Go Mobile", i ragazzi che usano smartphone e tablet per navigare sperimentano più opportunità ma anche più rischi

,

Smartphone e tablet pc sono sempre più diffusi non solo tra gli adulti ma anche tra i giovani e i giovanissimi. Secondo il report “Net Children Go Mobile: Risks and opportunities” il 51% dei ragazzi di 9-16 anni utenti di internet in Danimarca, Irlanda, Italia, Regno Unito e Romania possiede uno smartphone e il 45% lo usa quotidianamente per andare online; il 20% possiede un tablet, ma il 30% usa un tablet ogni giorno per accedere a internet.

Secondo la ricerca, i giovani utilizzano l’accesso ad internet da smartphone e tablet per una ampia varietà di attività: in particolare usano di più i social media per comunicare e condividere foto o video con gli amici, e per fruire contenuti mediali. Inoltre, questo loro uso precoce delle nuove tecnologie permette di possedere più competenze digitali, safety skills e competenze comunicative. Tuttavia, hanno anche più probabilità di esporsi ai rischi di internet. Rischio non significa danno: l’esposizione ai rischi non conduce necessariamente a esperienze negative, dannose e dolorose.

L’esperienza che fa più soffrire i ragazzi è il bullismo: due ragazzi su tre che hanno subito atti di bullismo faccia a faccia o di cyberbullismo, dichiarano di essere “molto” o “abbastanza” turbati da quanto è accaduto. Seguono poi rischi sessuali: la metà di chi ha visto immagini sessuali on e offline, e di chi ha ricevuto messaggi sessualmente espliciti (sexting), ne è rimasto turbato. I ragazzi che usano smartphone e tablet sono più esposti ai rischi, ma non ai danni: l’accesso e l’uso di internet da device mobili non è, quindi, un fattore di vulnerabilità.

Rischi che comunque negli ultimi anni sarebbero cresciuti come commenta Giovanna Mascheroni, ricercatrice OssCom:

Rispetto al 2010, anno dei dati EU Kids Online, abbiamo osservato un incremento nel numero di ragazzi che riporta di aver incontrato uno o più rischi su internet, soprattutto fra quanti usano smartphone e tablet. Non si tratta, tuttavia, di una relazione causale, ma della stessa correlazione osservata nel 2010: i ragazzi che usano internet di più, quindi gli adolescenti e i ragazzi che usano smartphone e tablet, incontrano più rischi. Più i ragazzi usano internet in una varietà di contesti e da una molteplicità di piattaforme, maggiore è il rischio di imbattersi in esperienze potenzialmente negative.

Net Children Go Mobile

I contenuti user generated negativi (come siti che incitano all’odio e al razzismo, promuovono anoressia e bulimia, consumo di sostanze, o autolesionismo e suicidio) sono i rischi più diffusi (31%) fra i ragazzi di questi paesi. Al secondo posto la comunicazione con persone conosciute online (30%), che di per sé non è necessariamente negativa ma un’opportunità per fare nuove amicizie e condividere i propri interessi. Diffusa anche l’esposizione a contenuti pornografici on e offline (29%). Il 27% dei ragazzi riporta un’esperienza di bullismo, ma solo il 14% è stato ‘bullato’ su internet o sul cellulare (cyberbullismo). I rischi meno comuni sono i messaggi sessuali (sexting) e gli incontri offline con persone conosciute su internet, sperimentati rispettivamente dal 13% e dal 12% dei ragazzi. I ragazzi danesi e romeni sono più esposti ai rischi online dei coetanei in irlandesi, inglesi e italiani.

L’Italia fortunatamente sembrerebbe uno dei Paesi a minor rischio come sottolinea sempre Giovanna Mascheroni:

L’Italia si conferma un Paese “a basso rischio”: i ragazzi italiani incontrano meno rischi rispetto ai loro coetanei in altri paesi. Anche se dal confronto con i dati di EU Kids Online del 2010 si osserva un incremento nell’esposizione ai rischi, il numero di ragazzi che dicono di essere stati turbati da qualche esperienza online resta stabile al 6%.

Fonte: Net Children Go Mobile • Immagine: Libri di Medicina • Notizie su: