QR code per la pagina originale

Google Project Ara: un concorso per sviluppatori

Google annuncia un concorso dedicato a Project Ara: offrirà ben 100 mila dollari allo sviluppatore che presenterà il modulo migliore per il telefono.

,

Google ha appena svelato i piani per un concorso su Project Ara tramite cui offrirà ben 100 mila dollari allo sviluppatore che progetterà e realizzerà il modulo migliore per il peculiare smartphone modulare, che l’utente potrà costruire e migliorare a suo piacimento. L’annuncio è pervenuto durante la seconda e conclusiva giornata della Ara Developers Conference di Mountain View (California), poche ore dopo che Paul Eremenko ha anticipato che il primo smartphone del progetto sarà disponibile a gennaio 2015.

Con questo contest Google vuole chiaramente incoraggiare i developer a iniziare a progettare i pezzi per il suo rivoluzionario smartphone, che sarà presentato ufficialmente il prossimo mese. Oltre a offrire 100 mila dollari allo sviluppatore che presenterà la miglior idea sul modulo, la compagnia statunitense premierà anche il secondo e il terzo classificato, pagando loro tutte le spese necessarie a partecipare alle prossime Ara DevCon.

Il concorso prenderà il via a metà maggio e  per presentare le domande vi sarà tempo fino a settembre: dovranno includere uno schema dettagliato del modulo e un contratto di finanziamento hardware, in modo che i developer possano eventualmente ricevere degli speciali strumenti utili a costruire il loro prodotto. Google sceglierà le migliori idee in base al loro potenziale uso quotidiano, l’unicità, la fattibilità e la qualità complessiva dell’hardware.

Probabile che tale iniziativa permetta a Google di ottenere numerose nuove idee hardware in ambito open-source, da lanciare poi sugli smartphone modulari che perverranno sotto il nome Project Ara, piuttosto che far tutto il lavoro da sé. Il primo smartphone Ara si chiamerà Gray Phone e sarà disponibile sul mercato a gennaio del prossimo anno, a un prezzo molto aggressivo.

Fonte: TechNewsWorld • Via: Digital Trends • Notizie su: ,