QR code per la pagina originale

Cloudschooling: i tutor sono online

Fra le startup al Salone di Torino, Maieutical Labs presenta una piattaforma di apprendimento adattivo con tutor di diverse discipline per 11-15enni.

,

Eugenio aspetta di insegnarti a leggere un testo, il vecchio Cicero accompagnerà i suoi alunni nel mondo del latino, il panciuto professor Giotto è lì col suo farfallino che attende di spiegare i grandi maestri dell’arte. È il magico mondo di avatar educativi di Cloudschooling, una piattaforma di tutoring che si presenterà al prossimo Salone del Libro.

Quest’anno il Salone del libro di Torino ospiterà al suo interno il mondo dei contenuti innovativi, grazie anche a dieci startup presenti in un’area dedicata. La prima di cui vuole parlare Webnews in questo percorso di avvicinamento è Maieutical Labs, nata a Torino grazie all’ingegno di tre soci: Matteo Boero, Adriano Allora e Ivan Molineris. I primi due linguisti, il terzo laureato in fisica-statistica, hanno lavorato sodo per creare Cloudschooling, candidata a diventare la più grande piattaforma di tutoring in Italia. La piattaforma digitale si fonda sull’apprendimento adattivo, e ospita questi divertenti tutor di diverse discipline, rivolti alla scuola secondaria di primo e di secondo grado.

La didattica al passo coi tempi

Il tema di fondo di questa startup è che la didattica spesso non è al passo coi tempi, soprattutto nella comunicazione. Basta provare la demo di Cicero per rendersi subito conto dell’approccio di Maieutical Labs: il tutor virtuale di adatta in modo dinamico alle differenze individuali degli studenti e al loro livello in ogni momento del processo di apprendimento; per ogni domanda formulata è previsto un sistema di aiuti crescenti che tiene conto del livello raggiunto dallo studente nelle domande precedenti. I numeri e le performance sono importanti: 16 mila lezioni in un anno, integrazione di form, video, interattività, reportistica dettagliata sui livelli di competenze. Lo racconta a Webnews Adriano Allora, uno dei soci della startup torinese:

Com’è nato cloudschooling?

Con Cicero, la prima demo che abbiamo portato all’attenzione del MIUR, che ci ha sostenuto per un esperimento nelle scuole. Era il 2011, non c’era ancora la società, soltanto questa idea.

La vostra startup vanta sostegni prestigiosi: oltre al ministero dell’Istruzione, avete collaborato con l’Agenzia Nazionale per l’Autonomia Scolastica, forse però sono gli editori il punto fermo del vostro modello…

Esatto. I nostri tutor sono stati scelti da Loescher e Zanichelli, leader dell’editoria scolastica italiana. Il modello di business, attualmente in questa fase molto iniziale, è licenziare i tutor. Ci comportiamo come un progetto di ricerca applicata, e diamo formazione, assistenza, accesso.

Verrà il momento della produzione di contenuti educativi?

Molto probabile.

Quando si accede al sito, che si trova?

Si può accedere come studente in prova o come componente della classe, e ci sono molti esercizi gratuiti. Noi caricheremo ancora altri esercizi, naturalmente il progetto è di convincere gli editori di scolastica a dare come benefit dei loro prodotti l’accesso a questo tipo di formazione di tutoring in cloud service.

Che rapporto sussiste fra l’attività in classe e quella offerta dalla piattaforma? Dove sta l’aspetto innovativo, nei tutor?

La classe virtuale ha un agile sistema di gestione delle classi e dei gruppi di studenti, e un sistema di reportistica basato sulle competenze, oltre che sulle conoscenze, secondo l’indirizzo ministeriale di questi ultimi anni. In realtà l’elemento davvero innovativo non è la classe, che è un contenitore necessario, ma la famiglia dei tutor della piattaforma. I tutor sono software che guidano passo per passo gli studenti nella risoluzione di specifici compiti (traduzioni dal latino, analisi di testi, esercizi di lingua). L’idea del percorso è già importante di per sé, ma in più i tutor, se lo studente sbaglia, lo aiutano e si ricordano che per lo specifico argomento potrebbe avere bisogno di aiuto nelle domande successive sullo stesso argomento.

La startup sta crescendo?

Oltre ai tre soci adesso abbiamo quattro dipendenti, che diventeranno di più se i nostri investimenti all’estero ci apriranno le porte oltre confine come speriamo. Siamo la classica startup innovativa, registrati presso la camera di commercio.

Fonte: Webnews • Via: Cloudschooling • Notizie su: , ,