QR code per la pagina originale

MacBook Pro con GPU difettosa: arriva la petizione

Apple non ha fornito soluzione alle GPU AMD difettose di MacBook Pro in versione 2011: gli utenti organizzano una petizione e presto una class action.

,

Si è parlato spesso dei gravi problemi che affliggono la GPU dei MacBook Pro fabbricati nel 2011, tanto da renderne impossibile il normale utilizzo. Le lamentele sul forum ufficiale Apple crescono di giorno in giorno ma, nonostante le buone speranze riposte nella Mela, la società non ha provveduto a fornire ufficialmente una soluzione. Così gli utenti, ormai stanchi dopo oltre un anno d’attesa, hanno aperto una petizione online affinché Cupertino corra ai ripari: il rischio, infatti, è quel che scatti una class action.

La problematica è ormai nota anche perché, ciclicamente, da quando Apple si è lanciata nell’universo dei MacIntel colpisce i laptop con in dotazione un chip AMD/ATI. Forse a causa di un eccessivo surriscaldamento, i MacBook Pro affetti iniziano a mostrare artefatti visivi a schermo come riquadri monocromo, linee verticali oppure orizzontali e, nella peggiore delle ipotesi, dei display totalmente bianchi. Dalla prima apparizione il difetto sarebbe irreversibile, tanto che nessun metodo di emergenza – il ripristino del sistema operativo, il reset di PRAM e SMC, il riavvio forzato – portano effettivo sollievo all’utente.

Così come già successo in passato, ad esempio con gli iMac bianchi fabbricati nel biennio 2006-2007 e dotati di GPU ATI X1600, si tratterebbe di un difetto hardware: per qualche motivo ancora non ben noto, forse proprio l’eccesso di calore, la GPU verrebbe irrimediabilmente danneggiata. La problematica pare essere particolarmente diffusa, considerato come sulle pagine del supporto Apple l’apposito thread abbia raggiunto le 338 pagine, con quasi 600.000 visualizzazioni e 5.000 risposte totali. E basta una ricerca nel forum per scoprire tanti altri dibattiti gemelli, anche su computer antecedenti alla versione di 2011 di MacBook Pro, tutti accomunati dalla presenza di un processore targato AMD/ATI. Per esclusione, perciò, non dovrebbero aver notato anomalie i possessori di un desktop o di un laptop dotato di schede grafiche Nvidia e Intel. Nonostante il monte impressionante di richieste, tuttavia, Cupertino non ha risposto ufficialmente con una soluzione o un programma di sostituzione, se non a quei fortunati in possesso di un piano triennale AppleCare.

Con la convinzione sia ormai certo un difetto di fabbricazione indipendente dagli utilizzi fatti dal consumatore finale, un gruppo di utenti si è unito per una petizione su Change.org, che vede già quasi 3.000 firme a poche ore dall’apertura. La mobilitazione virtuale, indirizzata a Tim Cook e Craig Federighi, sarà l’ultimo tentativo “pacifico” di comunicare con l’azienda, dopodiché gli agguerriti possessori promettono di aprire una class action.

Nel ricordare come non sia automatico che un MacBook Pro del 2011 soffra di problemi grafici, così come nemmeno tutte le GPU AMD/ATI presentino questo difetto, sembra che l’unica arma di difesa sia al momento la prevenzione. Prima che il malfunzionamento si presenti, infatti, può essere utile utilizzare uno strumento di regolazione della velocità delle ventole come SMC Fan Control, così da migliorare il raffreddamento del processore durante i task intensivi come videogiochi, riproduzione di video in HD e molto altro ancora.

Fonte: Change.org • Via: AppleInsider • Immagine: Rajdsouza via AppleForum • Notizie su: Apple MacBook Pro 2011, ,