QR code per la pagina originale

Google cambia logo… di 2 pixel

Google ha cambiato in minima parte il proprio logo: una piccola traslazione per la seconda "G" e per la "L", cercando miglior nitidezza su ogni schermo.

,

Il logo più visto online in tutto il mondo, quello più noto e di maggior valore a livello internazionale, cambia aspetto. “Google“, presente sulla homepage che significa “ricerca” nella volgata collettiva, cambia faccia. Ma non si tratta di vero e proprio redesign, quanto di una semplice modifica di appena 2 pixel. Poco o nulla, insomma, ma quanto basta per incuriosire attorno ai motivi e alla natura della modifica effettuata.

Il cambio è avvenuto nel fine settimana: la seconda “G” si è spostata verso destra, mentre la “L” si è spostata a destra e in basso. Non cambia l’aspetto generale, se non in minima parte, ma si formano un nuovo allineamento e una nuova spaziatura che evidentemente i grafici di Mountain View considerano più logica e consona ai fini dell’impatto visivo che si intende dare al logo. Al momento non risultano esserci peraltro motivazioni ufficiali a supporto delle tesi sulla modifica, ma la vicenda sarebbe sicuramente potuta in archivio senza motivazioni se non fosse per la curiosità sollevata nel mondo del Web Design.

Per osservare la modifica occorre analizzare più da vicino il logo con il supporto di alcuni riferimenti (in grigio) che mettono in evidenza la mutazione:

Modifiche al logo Google

Modifiche al logo Google

Disponibile altresì una GIF animata, che mette invece in risalto la differenza nell’impatto visivo tra le due versioni:

Logo Google, prima e dopo

Logo Google, prima e dopo (immagine: Ron Amadeo).

Una modifica così piccola non può incidere troppo sul risultato finale, ma proprio l’esiguità del cambiamento non può che essere sintomatica di un significato che sicuramente giace alla base della decisione di modificare il logo. Una dichiarazione resa a Gizmodo nelle ultime ore spiega, ma non dettaglia, la radice della decisione: il nuovo allineamento migliora la nitidezza su qualsiasi schermo, con qualsiasi risoluzione. Una scelta improntata all’omogeneità di impatto con il logo, insomma, senza significati reconditi. Due pixel, comunque, che si son fatti notare.