QR code per la pagina originale

myBulletins, patch Microsoft sotto controllo

Gli amministratori IT e gli utenti privati possono consultare l'elenco completo delle patch su myBulletins, filtrando i risultati in base al prodotto.

,

Forse non tutti sanno che gli aggiornamenti dei prodotti Microsoft vengono distribuiti il secondo martedì di ogni mese (da cui il nome Patch Tuesday). Gli utenti che, per qualche motivo, non ricevono le ultime patch di sicurezza, possono usufruire del nuovo servizio, denominato myBulletins, che permette di filtrare i bollettini in base al software installato sul proprio computer. Il servizio è utile sopratutto per gli amministratori IT che devono gestire un numero maggiore di PC.

Per visualizzare una dashboard personalizzata è necessario innanzitutto effettuare il login con il proprio account Microsoft. Successivamente verrà mostrato un elenco di prodotti suddivisi per categoria (Windows, Office, Internet Explorer, Server Software, Developer Tools e Security Software). Sono presenti anche i prodotti non più supportati, come Windows XP, Internet Explorer 6 e Office 2003. Dopo aver selezionato il software, nella pagina verrà mostrata una tabella con sei colonne (data, ID del bollettino, nome prodotto, tipo di vulnerabilità, gravità e indicazione relativa al riavvio). Purtroppo non è possibile filtrare i risultati in base al tipo di architettura (32 o 64 bit).

Maggiori informazioni sui bollettini, ad esempio il link all’articolo della Knowledge Base (KB), il numero CVE e le patch sostituite, sono elencate nel foglio Excel che può essere scaricato cliccando su “Download bulletins”. Questi dettagli sono molto utili sia agli amministratori IT, che devono scegliere la priorità di installazione, sia agli utenti che vogliono creare un “DVD Unattended” con tutte le patch rilasciate.

Microsoft specifica che myBulletins è indirizzato alle piccole e medie organizzazioni. Le grandi aziende, infatti, hanno a disposizione strumenti più sofisticati per il deployment degli aggiornamenti, come System Center Configuration Manager, Windows Server Update Services e Windows Intune.

Fonte: Microsoft • Immagine: Secpod • Notizie su: ,