QR code per la pagina originale

Microsoft aggiorna i termini d’uso dei servizi

Microsoft ha modificato il contratto dei servizi e l'informativa sulla privacy, specificando meglio come vengono usati i dati degli utenti.

,

Microsoft ha iniziato ad inviare una email agli utenti che usano i suoi servizi per informarli sui cambiamenti delle condizioni d’uso e alle informative della privacy. Le novità sono focalizzate su tre aspetti fondamentali, ovvero privacy, trasparenza e semplicità, i principali fattori che l’utente considera quando sceglie di utilizzare i servizi cloud offerti dall’azienda di Redmond. Il nuovo contratto dei servizi entrerà in vigore il 31 luglio 2014.

I servizi principali coperti dalle nuove condizioni sono Bing, MSN, Outlook.com, OneDrive, l’account Microsoft, Family Safety, Raccolta foto, Movie Maker, Microsoft Mail Desktop, Windows Live Writer, Office.com, Office 365 Home Premium, Office 365 University e altri servizi con marchio Microsoft Office, per i quali è previsto un contratto supplementare. Il contratto completo è disponibile a questo link, mentre l’informativa sulla privacy può essere letta in questa pagina. Per illustrate le modifiche più importanti, Microsoft ha evidenziato tre punti:

Privacy

Nell’ambito del nostro impegno continuo a rispettare la tua privacy, abbiamo aggiornato il contratto dei servizi con la dichiarazione che non useremo il contenuto delle tue email, chat o videochiamate o della tua segreteria telefonica per inviarti messaggi pubblicitari personalizzati. In modo analogo, non useremo i tuoi documenti, le tue foto o altri tuoi file personali per inviarti messaggi pubblicitari personalizzati.

Trasparenza

Desideriamo che le nostre linee guida per l’uso dei prodotti siano estremamente chiare, pertanto abbiamo inserito il codice di comportamento nel contratto dei servizi e lo abbiamo aggiornato con linee guida di semplice comprensione che identificano in modo chiaro i comportamenti che potrebbero provocare un’azione nei confronti del tuo account Microsoft. Abbiamo anche aggiunto la sezione 1.5 in cui viene dichiarato che i genitori sono responsabili dell’uso dell’account e dei servizi Microsoft, nonché degli eventuali acquisti effettuati, da parte dei figli minori.

Semplicità

I contenuti delle condizioni dei servizi e delle informative sulla privacy sono stati riscritti per renderli più comprensibili, eliminando termini eccessivamente tecnici o termini legali poco chiari.

Microsoft precisa inoltre che la condivisione delle informazioni avviene solo con l’esplicito consenso degli utenti, ad esempio quando si invia un’email a un amico, quando si pubblicano foto e documenti su OneDrive o quando si collega l’account a un altro servizio.

Fonte: Microsoft • Immagine: Microsoft building, via Shutterstock • Notizie su: