QR code per la pagina originale

Con ARCHOS la casa è sempre smart

ARCHOS lancia un sistema integrato per la smart home: un pacchetto di tablet e quattro device connessi grazie alla tecnologia Bluetooth Smart.

,

ARCHOS, uno degli attori principali dell’universo Android, presenta la sua nuova linea di prodotti per rendere la casa smart e sempre connessa. Nasce così il progetto Smart Home, per una vita domestica unificata, appagante, online e completamente autonoma.

L’obiettivo dell’azienda è la trasformazione delle normali case in Case Connesse, grazie ad alcuni pacchetti hardware e software appositamente pensati per questo scopo. Il pacchetto base Smart Home include infatti un tablet ARCHOS per controllare tutti gli oggetti domestici connessi, due mini cam per scattare foto e il controllo remoto, 2 rilevatori di movimento e 2 stazioni meteo, per gestire in ogni momento temperatura, umidità e atmosfera della propria abitazione. Il tutto grazie alla tecnologia Bluetooth Smart, per una portata raddoppiata, una linea domestica sempre stabile e delle comunicazioni fra dispositivi sempre efficaci.

Il fulcro di Smart Home sono i dispositivi che compongono la rete di casa, chiamati Oggetti Connessi. Questi sono controllati tutti dal tablet ARCHOS, che diventa così il centro della vita in casa, un HUB di controllo insostituibile. Tali Oggetti Connessi possono essere combinati a piacere dall’utente, che può quindi costruire la propria Connected Home in base alle proprie esigenze: le mini cam, ad esempio, possono essere utilizzate per scattare fotografie, ma anche come controllo remoto dell’abitazione quando si è in ufficio, come baby monitor e tutto quello che la creatività consente.

Dall’affidabilità estesa, grazie anche a batterie che consentono una longevità d’utilizzo davvero ineguagliabile e ai materiali che consentono ai device di resistere alle interperie, l’intero sistema ARCHOS fa affidamento sulla già citata tecnologia Bluetooth Smart. Gli ingegneri dell’azienda hanno implementato il sistema sia sull’hardware che sul software, raddoppiando il raggio d’azione da 10 a 20 metri, triplicando il numero di dispositivi connessi da 4 a 13 e rendendone l’interconnessione più stabile. Il tutto gestito dall’applicazione Tasker, per l’automatizzazione di ogni operazione, e alla compatibilità con le radiofrequenze 433 Mhz, una delle più frequenti per i dispositivi di automatizzazione domestica già disponibili sul mercato. Proprio grazie a questa implementazione, si potrà andare oltre ai device inclusi nel proprio pacchetto: non sarà difficile, ad esempio, aprire la serranda del garage semplicemente con un click sul tablet.

A margine della presentazione, è intervenuto il CEO Loïc Poirier, il quale ha spiegato:

Quello della Casa Connessa è un settore in forte espansione che sfiorerà i 71 miliardi dollari entro il 2018 secondo Juniper. Il nostro obiettivo con ARCHOS Smart Home è quello di offrire la più vasta offerta di Oggetti Connessi per supportare questa vision della Casa Connessa e perseguire la nostra strategia relativa agli Oggetti Connessi.

Il pacchetto base di ARCHOS Smart Home costa 249.99, ma gli Oggetti Connessi sono disponibili anche singolarmente a partire da 29.90 euro ciascuno.

Notizie su: ,