QR code per la pagina originale

“OK Google” arriva in Italia

La funzionalità "OK Google" è in fase di rollout anche per gli utenti italiani: ecco come verificare se è già attiva sul proprio dispositivo Android.

,

Si moltiplicano in Rete le segnalazioni relative all’arrivo nel nostro paese della funzionalità “OK Google”. A quanto pare il rollout ha già preso il via, stando alle recensioni pubblicate nella scheda dell’applicazione Ricerca Google sulle pagine della piattaforma Play Store. Per quanto ci riguarda, su un Nexus 4 con sistema operativo Android 4.4.4 KitKat, ancora nulla.

Finalmente “OK Google” in italiano. Non so se succede solo a me, ma finalmente oggi, 1 luglio 2014, la funzione “OK Google” in italiano è attiva. 5 stelle.

Finalmente! “OK Google” in italiano in ogni pagina! Finalmente funziona! Ora sotto con tutte le altre schede!

Questi sono alcuni dei commenti lasciati all’app, che testimoniano come il rollout abbia finalmente preso il via anche in Italia. Per verificarne la disponibilità è sufficiente aprire la schermata dell’assistente virtuale Google Now, accedere al menu “Impostazioni” (dal pulsante a forma di tre puntini) e poi selezionare l’opzione “Voce”. All’interno, oltre a “Lingua”, “Output vocale”, “Blocca parole offensive”, “Riconoscimento vocale offline” e “Auricolari Bluetooth” dovrebbe comparire anche “Rilevamento di OK Google”. Se così non fosse, niente paura: sarà sufficiente attendere qualche altra ora per mettere alla prova una delle feature più innovative introdotte di recente da bigG nell’ecosistema Android.

Non è necessario effettuare alcun update, in quanto l’attivazione avviene lato server. Tutto ciò di cui si necessita è la versione aggiornata delle app Ricerca Google e Google Play Services. È necessario aver installato anche un launcher compatibile, come Avvio Applicazioni Now, Apex o Nova. Per chi non ne cosse a conoscenza, “OK Google” consente di impartire un comando vocale al dispositivo da qualsiasi schermata, per interagire senza bisogno di toccare lo schermo. Uno dei primi modelli a supportare la tecnologia è stato lo scorso anno lo smartphone Moto X, come visibile nel filmato in streaming qui sopra.

Fonte: Ricerca Google su Google Play • Notizie su: