QR code per la pagina originale

Google Play Services 5.0: tutte le novità

Google annuncia l'aggiornamento di Play Services alla versione 5.0: introdotte novità per Android Wear, Chromecast, Google Drive e molto altro ancora.

,

Con un post comparso sul blog ufficiale degli sviluppatori Android, il gruppo di Mountain View annuncia di aver dato il via alla distribuzione di Google Play Services 5.0 sui dispositivi di tutto il mondo. È dunque solo una questione di ore, per chi ancora non ha ricevuto l’aggiornamento. Tante le novità introdotte, a partire da quelle che riguardano la piattaforma Android Wear equipaggiata dai device indossabili lanciati sul mercato nei giorni scorsi, ovvero LG G Watch e Samsung Gear Live.

Il rollout di Google Play Services 5.0 è iniziato per i dispositivi di tutto il mondo e include molte funzionalità da sfruttare per migliorare le vostre app. La release introduce le API per Android Wear, Dynamic Security Provider e App Indexing, oltre ad aggiornamenti per Google Play Games, Cast, Drive, Wallet, Analytics e Mobile Ads.

Per quanto riguarda Android Wear, l’update alla versione 5.0 di Google Play Services introduce una serie di API che semplificano la comunicazione tra i dispositivi indossabili e gli smartphone (o tablet), permettendo così lo scambio di dati e informazioni come le notifiche da visualizzare sul quadrante degli orologi.

Google Play Games accoglie invece le novità annunciate la scorsa settimana dal palco dell’evento I/O 2014, ovvero Quests e Saved Games, rispettivamente nuove API per sfidare i giocatori ad ottenere determinati risultati in un lasso di tempo prestabilito e il caricamento dei salvataggi su piattaforma cloud.

Introdotti inoltre il supporto ai sottotitoli per Chromecast, nuove funzionalità per Google Drive come la creazione di cartelle offline e strumenti avanzati per la gestione delle inserzioni pubblicitarie all’interno delle applicazioni. Come detto in apertura, il rollout ha già preso il via e dovrebbe raggiungere tutti entro breve. Per maggiori informazioni è possibile consultare il post comparso sul blog ufficiale Android Developers.

Fonte: Android Developers Blog • Notizie su: