QR code per la pagina originale

Windows Dev Center, sito unico per sviluppatori

Dopo aver unificato la registrazione, Microsoft ha creato un unico portale in cui è possibile trovare tutti i contenuti per la creazione di app universali.

,

Microsoft ha annunciato un’altra importante novità per gli sviluppatori. Dopo aver unificato il processo di registrazione e lanciato le app universali, l’azienda ha compiuto un ulteriore passo verso la creazione di una singola piattaforma Windows per tutti i dispositivi. Il nuovo sito Windows Dev Center raccoglie ora tutte le risorse necessarie per sviluppare applicazioni per Windows e Windows Phone.

Prima del cambiamento, Microsoft offriva due distinti portali per Windows e Windows Phone, dove gli sviluppatori potevano trovare tutte le informazioni per iniziare a scrivere app e giochi per i due sistemi operativi. Ora, invece, tentando di aprire il sito dev.windowsphone.com, si viene redirezionati al sito dev.windows.com. Qui sono ora disponibili guide, esempi di codice, SDK, emulatori e tutti gli altri strumenti necessari per sviluppare su Windows 8.1 e Windows Phone 8.1, sfruttando le peculiari caratteristiche delle due piattaforme.

La documentazione unificata, che spiega come creare le app universali compatibili con PC, tablet e smartphone, è disponibile in 11 lingue, tra cui l’italiano. Gli esempi di codice continuano ad essere pubblicati sulla code gallery di MSDN, ma ora sono accessibili da una singola pagina del Dev Center. Sono stati inoltre unificati i forum, mentre il supporto tecnico rimane distinto per ogni tipologia di device.

Anche le dashboard, accessibili con un account sviluppatore, rimangono separate. È necessario quindi cliccare sul pulsante specifico (Windows Store e Windows Phone Store), ma è più semplice passare dall’una all’altra, usando il link presente nel pannello di navigazione sinistro. Microsoft ha inoltre comunicato che gli sviluppatori possono sfruttare le caratteristiche di Kinect anche su Windows, grazie al nuovo SDK. Infine, sono stati aggiunti altri 21 mercati, in cui è possibile vendere le app, portando il totale a 149.