QR code per la pagina originale

Motorola prepara il successore del Moto G

Motorola potrebbe presentare entro l'estate Moto M, il successore del Moto G: anche stavolta potrebbe stupire per rapporto qualità/prezzo.

,

Motorola starebbe sviluppando il successore del Moto G, uno degli smartphone di fascia media migliori dello scorso anno. Lo riporta Tecnoblog, che riferisce come la compagnia si stia preparando ad aggiungere tale device alla propria linea, inserendolo tra il Moto G e il Moto X in termini di specifiche.

Proprio come tali due smartphone, anche il secondo modello della gamma Moto G – che potrebbe giungere sul mercato sotto il nome Moto M – dovrebbe impressionare per l’ottimo rapporto qualità/prezzo. L’equivalente brasiliana della FCC ha recentemente certificato tre varianti del dispositivo: la prima ha il nome in codice XT1063 ed è un modello single-SIM, la seconda XT1068 ed è una variante dual-SIM e la terza, infine, XT1069 aggiunge il supporto alla TV digitale.

Dalla Spagna giunge invece una immagine che mostra quello che dovrebbe essere proprio il Motorola Moto M, un dispositivo dal design giovanile ma piuttosto elegante e con due grandi griglie degli altoparlanti poste in alto e in basso alla scocca frontale. Alcuna delle specifiche tecniche dovrebbero comprendere la presenza di un display da 4,6 pollici (dunque leggermente più ampio di quello integrato nel Moto G, da 4,5 pollici) con risoluzione da 1280 x 720 pixel e 320ppi, di un processore quad-core ARM v7 – probabilmente un Qualcomm Snapdragon 400 – con GPU Adreno 305, e di una fotocamera posteriore con sensore da 8 megapixel.

Trapelata una fotografia del Moto M, il successore del Moto G

Trapelata una fotografia del Moto M, il successore del Moto G (immagine: Mallando No Android).

Motorola sta progettando di lanciare ad agosto il nuovo Moto X +1, a fianco dell’atteso smartwatch Moto 360; possibile che tale Moto M pervenga entro l’estate, andando così a completare la lineup della compagnia di Lenovo per l’anno in corso.

Fonte: Mallando no Android • Via: Android Authority • Notizie su: