QR code per la pagina originale

Deezer: novità per le applicazioni Android e iOS

Rilasciato un aggiornamento per le applicazioni Android e iOS della piattaforma musicale Deezer: tra le novità anche il supporto per Google Chromecast.

,

Novità in arrivo per le applicazioni Android e iOS della piattaforma musicale Deezer. Con l’update il servizio di streaming introduce la riproduzione audio in alta qualità (fino a 320 Kbps), già disponibile da tempo sui device della linea Windows Phone, in modo da offrire a tutti gli iscritti un’esperienza di ascolto perfetta anche in mobilità.

Aggiunto inoltre un equalizzatore, permettendo di scegliere tra una vasta gamma di profili preimpostati che si adattano al tipo di musica selezionata, dal rock alla classica, fino al jazz e numerosi altri generi. L’utente ha poi la possibilità di modificare ogni singolo preset in modo da ottenere il meglio in termini di fedeltà sonora. Ancora, gli aggiornamenti portano con sé le dissolvenze incrociate tra i brani consecutivi (ovviamente da attivare in modo opzionale): in altre parole vengono eliminati i momenti di silenzio tra una canzone e l’altra, sfumando gradualmente il volume di quella che sta per finire e, contemporaneamente, introducendo la successiva.

È il momento anche del supporto a Chromecast, annunciato inizialmente il mese scorso. La feature permetterà di effettuare il mirroring dei brani sul televisore, grazie al piccolo dongle HDMI di Google. L’interfaccia è quella visibile nell’immagine allegata di seguito, con la copertina del disco in primo piano e riproposta con un effetto blur sullo sfondo, insieme ad informazioni come il nome dell’autore o della band, il titolo della canzone riprodotta e quello dell’album.

La musica di Deezer arriva sulla TV, grazie all'integrazione con Chromecast: ecco l'interfaccia

La musica di Deezer arriva sulla TV, grazie all’integrazione con Chromecast: ecco l’interfaccia

Il comunicato stampa giunto in redazione precisa che, a seguito dell’introduzione di queste novità, agli utenti viene richiesto di sincronizzare nuovamente la propria musica in modalità offline, così da poter essere liberi di scegliere la qualità con cui effettuare il download dei brani nella memoria interna dei dispositivi.