QR code per la pagina originale

LG pensa a un ibrido smartwatch-smartphone

LG pensa a creare un orologio che faccia anche da smartphone, un particolare ibrido che potrebbe cambiare gli smartwatch. Lo dimostra un brevetto.

,

Un nuovo brevetto depositato da LG presso l’US Patent and Trademark Office (USPTO) indica che la nota azienda produttrice potrebbe rilasciare sul mercato un dispositivo ibrido a metà tra uno smartphone e uno smartwatch, nel tentativo di conquistare la clientela che desidera un indossabile dalle funzionalità complete, esattamente come quelle offerte dai cellulari di nuova generazione.

La proprietà intellettuale suggerisce che il dispositivo potrebbe infatti essere un telefono smart vero e proprio, inserito però nel tradizionale form factor da smartwatch. Ciò significherebbe che l’orologio LG sarebbe anche in grado di ricevere ed effettuare telefonate, di mandare e visualizzare messaggi di testo, email, navigare sul Web ed eseguire applicazioni, proprio come è possibile fare con uno smartphone. Purtroppo il brevetto non contiene specifiche hardware o informazioni più dettagliate sul dispositivo, dunque non è possibile sapere se supporterebbe le SIM card ma è probabile che sia così, e che non vada dunque abbinato a un telefono – come fanno gli altri smartwatch – ma che potrebbe essere utilizzato come un device stand alone, autonomo.

Un brevetto mostra un possibile nuovo smartwatch LG

Un brevetto mostra un possibile nuovo smartwatch LG (immagine: Patently Mobile).

La documentazione mostra semplicemente un orologio con cinturino e un display allungato, con cornici molto sottili, ma molto più grande di quello integrato negli attuali smartwatch disponibili sul mercato. Lo schermo sembra peraltro essere leggermente curvo, anche se non proprio curvo come quello integrato da Samsung nel braccialetto da fitnes Gear Fit. Inoltre, la forma suggerisce che il peculiare prodotto sarebbe costruito prevalentemente in plastica, ma non è possibile saperlo con certezza.

Naturalmente, trattandosi di un brevetto, non significa necessariamente che LG abbia davvero intenzione di produrre un ibrido tra smartwatch e smartphone, ma recenti indiscrezioni vedevano come probabile l’arrivo sul mercato di una versione dell’LG G Watch – basato su Android Wear – dotata del supporto alle SIM card, che dunque diverrebbe un orologio autonomo e non da abbinare obbligatoriamente al telefono. L’azienda produttrice non ha fornito alcuna conferma ai rumor.