QR code per la pagina originale

Dropbox for Business, collaborazione più sicura

Le aziende che usano Dropbox avranno un controllo maggiore sui contenuti, impostando i permessi sulle cartelle condivise e le password per i link condivisi.

,

Dropbox ha annunciato alcune interessanti novità per le aziende che usano il suo servizio di cloud storage. Le nuove funzionalità che verranno integrate in Dropbox for Business nei prossimi mesi riguardano tre aree: sicurezza e controllo, collaborazione e integrazione della piattaforma. Alcune feature possono essere testate prima del lancio ufficiale, effettuando l’iscrizione al programma Accesso anticipato.

Quando si lavora ad un progetto riservato è preferibile avere un controllo maggiore sui contenuti condivisi. Dropbox ha quindi aggiunto un’opzione che consente ai membri di un team di specificare chi può visualizzare e modificare i file inseriti in una cartella condivisa. Il proprietario della cartella può quindi indicare gli utenti che possono solo aprire un documento (ad esempio, i clienti dell’azienda) e quelli che possono anche alterare il contenuto (ad esempio, i dirigenti dell’azienda).

La seconda novità riguarda i link condivisi. È ora possibile impostare una password e una data di scadenza. L’azienda quindi può consentire un accesso protetto ai documenti e bloccare la condivisione quando un determinato progetto è terminato. La funzionalità può essere sfruttata anche per i vecchi link.

Nei prossimi mesi sarà disponibile una ricerca full text che permette di cercare velocemente i file senza perdere tempo ad aprire le cartelle. Inoltre, Dropbox lancerà Project Harmony, una funzione di collaborazione che consente a più persone di lavorare contemporaneamente sullo stesso file Office (documento Word, foglio di lavoro Excel e presentazione PowerPoint). Gli utenti Android, invece, potranno visualizzare un anteprima in alta qualità dei file, senza attendere il download completo.

L’azienda ha infine annunciato la disponibilità delle API Shared Folder e Document Preview, grazie alle quali gli sviluppatori possono integrare le due funzionalità all’interno delle app di terze parti.

Fonte: Dropbox • Notizie su: ,