QR code per la pagina originale

Terabyte di spazio nei futuri smartphone

La Rice University ha realizzato un chip RRAM in grado di memorizzare fino a 1 TB di dati in un'area grande come un francobollo.

,

Oggi sono in vendita smartphone con 3 GB di RAM, ma la maggior parte dei modelli di fascia alta non integra più di 32 GB di memoria flash. I ricercatori della Rice University hanno però dimostrato che la dimensione dello storage può crescere esponenzialmente utilizzando la RRAM (Resistive Random Access Memory). Questa tipologia di memoria permette di immagazzinare 1 TB di dati in un dispositivo grande come un francobollo, oltre 50 volte la densità della attuali memorie flash.

Come quest’ultima, anche la RRAM può conservare i dati in assenza di alimentazione, ma possiede una velocità 100 volte maggiore e può essere realizzata a strati per aumentare la quantità di informazione da memorizzare. Il funzionamento della RRAM è basato sul passaggio di corrente attraverso un materiale dielettrico, quando viene applicata una tensione elevata tra due fili. La presenza o l’assenza di questo percorso conduttivo può essere usata per rappresentare i bit 1 o 0. Dato che i percorsi possono essere creati, rotti e ricreati migliaia di volte, la RRAM può essere impiegata come memoria ad accesso casuale riscrivibile.

I ricercatori della Rice University sono riusciti a realizzare un chip RRAM a temperatura ambiente e a bassa tensione, utilizzando i tradizionali processi produttivi. L’ingrediente chiave è l’ossido di silicio poroso. Nel dielettrico sono infatti presenti microscopici fori larghi 5 nanometri che vengono attraversati dal metallo (oro o platino) che compone gli elettrodi, quando viene applicata una tensione (meno di 2 Volt), creando il percorso conduttivo (bit 1). Cambiando il valore della tensione, il percorso viene interrotto (bit 0).

La memoria può commutare centinaia di migliaia di volte, può immagazzinare 9 bit per cella e consuma poco. Le numerose caratteristiche positive della RRAM ha già attirato le attenzioni dei maggiori produttori di memorie. Nelle prossime settimane, i ricercatori sottoscriveranno un accordo di licenza con un’azienda, di cui non è stato rivelato il nome. Tra qualche anno saranno in vendita smartphone e tablet con 1 TB di RRAM.

Fonte: MIT Technology Review • Immagine: Phone Arena • Notizie su: