QR code per la pagina originale

John Venn, l’omaggio di Google con un doodle

In occasione del 180esimo anniversario della nascita, Google celebra il matematico e statistico inglese John Venn sulla homepage del motore di ricerca.

,

Visitando oggi la homepage di Google si nota fin dal primo sguardo che il logo tradizionale del motore di ricerca è stato sostituito da un nuovo doodle, ancora una volta animato e interattivo. È l’omaggio del gruppo di Mountain View a John Venn, matematico e statistico inglese nato il 4 agosto 1834 (esattamente 180 anni fa) a Kingston upon Hull e deceduto a Cambridge il 4 aprile 1923 per ragioni mai rese note, all’età di 88 anni. È stato anche pastore della Chiesa Evangelica, conosciuto soprattutto come studioso della logica e della teoria della probabilità.

A lui va riconosciuto, tra le altre cose, il merito di aver introdotto il cosiddetto diagramma di Eulero-Venn, ossia la rappresentazione grafica di un insieme che consiste nel racchiuderne gli elementi all’interno di una linea curva chiusa non intrecciata. È proprio su questo principio che si basa lo studio delle teorie sugli insiemi nelle scuole di tutto il mondo, così come l’animazione ospitata fino a mezzanotte da bigG, permettendo ai navigatori di scegliere due categorie differenti (ad esempio “musica”, “vegetazione”, “trasporti”, “spazio”, “mammiferi” ecc.) e visualizzare poi sullo schermo un elemento che li accomuna. Per capire in che modo è sufficiente dare un’occhiata al filmato in streaming di seguito.

Così come i suoi avi, John Venn fu ordinato prete anglicano nel 1859, ma nel 1883 decise di abbandonare la sua vita nel clero ritenendone i dettami ormai del tutto incompatibili con il suo pensiero filosofico. Cinque anni dopo la sua morte gli venne dedicato un edificio presso l’Università di Hull, sua città natale, mentre il Gonville and Caius College di Cambridge gli ha reso onore con una vetrata che ripropone la rappresentazione grafica del suo celebre diagramma.

Galleria di immagini: Google, tutti i doodle del 2012

Fonte: John Venn su Wikipedia • Notizie su: ,
Commenta e partecipa alle discussioni