QR code per la pagina originale

Microsoft rimuove il limite dei 2 GB su OneDrive

Microsoft ha iniziato silenziosamente a rimuovere il limite dei 2 GB per ogni file caricato sul servizio cloud OneDrive

,

Microsoft ha iniziato a rimuovere il limite di 2 GB per ogni file caricato sul suo servizio cloud OneDrive. La novità è stata scoperta da un utente di Reddit e poi confermata da un portavoce di Microsoft al webzine The Next Web. La casa di Redmond ha dunque annunciato di aver iniziato a lavorare a rimuovere il limite dei 2 GB per file, cosa del resto richiesta a gran voce dagli utenti.

Ci vorrà comunque un po’ di tempo affinché questa novità sia disponibile per tutti. Come sottolinea la stessa Microsoft a The Next Web, all’inizio solo un ristretto numero di utenti si vedrà rimuovere il limite dei 2 GB per file. Tuttavia la casa di Redmond assicura che in futuro rilascerà ulteriori dichiarazioni e dettagli su questo argomento mano a mano che amplierà l’utenza a cui sarà eliminato il limite dei 2 GB per file su OneDrive.

La casa di Redmond non ha voluto però specificare quale sia il nuovo limite per il peso dei file caricati su OneDrive, sempre che ci sia. A titolo di confronto, gli utenti Dropbox possono contare su un limite in upload per file di 10 GB, mentre gli utenti Google Drive addirittura di 5 TB.

In attesa di ulteriori conferme e dettagli da parte di Microsoft, appare comunque chiara l’intenzione della casa di Redmond di voler potenziare e migliorare il proprio servizio cloud per renderlo più competitivo ed in grado di rivaleggiare alla pari con gli altri competitor. Con la possibilità di caricare file più grandi di 2 GB, gli utenti potranno infatti utilizzare OneDrive davvero come un vero disco fisso virtuale per salvare copie di backup e tanto altro. Microsoft ha dimostrato inoltre di tenere in considerazione ancora una volta le richieste delle proprie utenze. L’uservoice sul sito di OneDrive in cui viene chiesto di eliminare il limite dei 2 GB è stata votata in pochi giorni da circa 300 persone.

 

Fonte: The Next Web • Notizie su: , ,