QR code per la pagina originale

Motorola presenta i nuovi Moto X e Moto G

Motorola presenta i nuovi Moto X e Moto G, rispettivamente smartphone di punta e a basso budget che puntano su caratteristiche nettamente migliorate.

,

Motorola ha rilasciato in via ufficiale il nuovo Moto X e il nuovo Moto G, rispettivamente il suo ultimo smartphone di punta e la versione rinnovata del suo telefono più venduto in assoluto, tramite cui offre caratteristiche nettamente migliorate. Potrebbero esser definiti presto il miglior telefono Android mai realizzato e il miglior dispositivo a basso budget attualmente sul mercato.

La seconda generazione del Moto X – che non è denominato Moto X+1 come numerose indiscrezioni avevano suggerito – sarà lanciato negli Stati Uniti entro fine settembre al prezzo di 499 dollari nella versione da 16 GB e di 549 dollari per quella da 32 GB. Oltre a maggiori opzioni di personalizzazione e ad accessori progettati per ottimizzarne l’esperienza utente, offre un comparto tecnico ulteriormente rinnovato sotto ogni aspetto.

Il nuovo dispositivo di punta della compagnia acquisita da Lenovo è dotato di un display AMOLED da 5,2 pollici con risoluzione Full HD e, nonostante le sue maggiori dimensioni, è solo 5 grammi più pesante rispetto al suo predecessore (pesa 144g). Il design è alla moda: dispone di una scocca metallica in alluminio la cui parte posteriore sarà personalizzabile dall’utente attraverso il servizio Moto Maker, che offrirà ben 25 diversi colori, quattro opzioni in legno e altre quattro in cuoio. Al suo interno Motorola ha inserito un processore quad-core Qualcomm Snapdragon 801 da 2,5 GHz, GPU Adreno 330, 2 GB di RAM e una batteria da 2300 mAh che secondo l’azienda garantirà un giorno intero di autonomia. Sopra il logo del nuovo Moto X è presente una fotocamera principale da 13 megapixel con zoom 4x e flash anulare, capace anche di registrare video a risoluzione 4K.

Oltre alle personalizzazioni hardware, il nuovo Moto X aggiunge anche una maggiore flessibilità quando si tratta del software. Monta Android stock – ovvero il robottino verde in versione pura – ma vi sono numerose funzioni e chicche sia come impostazioni predefinite che a scelta. Ad esempio, invece di pronunciare il comando vocale “OK Google” per attivare il servizio, il cliente potrà scegliere la parola chiave più desiderata. Rinnovata la funzione Moto Assist: se lo smartphone riconosce che l’utente si trova in ufficio, andrà automaticamente in modalità silenziosa, mentre se è alla guida di un veicolo potrebbe passare a un’apposita modalità per aiutare a mantenere una maggiore sicurezza su strada.

Presentato anche il nuovo Moto G, costruito secondo Motorola in base alle richieste degli utenti, che secondo i sondaggi effettuati desideravano un display più grande, delle migliori fotocamere e storage espandibile. Già disponibile per l’acquisto nel Regno Unito e negli Stati Uniti, il nuovo telefono a basso budget mantiene la stessa formula del prodotto originale, ovvero un design solido, specifiche tecniche di fascia media e un’esperienza personalizzata.

Il nuovo Moto G dispone di uno schermo più grande, da 5 pollici a 720p, mantiene lo stesso processore del telefono dello scorso anno – un quad-core da 1,2 Ghz – e opzioni da 8/16 GB di storage. Diversi i cambiamenti: ad esempio, adesso supporta le schede microSD (fino a 32 GB), ha due fotocamere migliori (quella frontale da 2 megapixel e quella posteriore da 8 megapixel) e una coppia di altoparlanti frontali, per un’esperienza audio nettamente migliore. Manca il supporto al 4G LTE ma vi saranno modelli mono e dual-SIM, mentre la batteria montata non è purtroppo removibile. Il sistema operativo in esecuzione è Android 4.4 KitKat ma Motorola ha detto che offrirà l’aggiornamento ad Android L il più presto possibile. Presenti i servizi software della compagnia, come Moto Alert e Assist.

Disponibile insieme a una selezione di case colorati, il nuovo Moto G mantiene lo stesso prezzo del predecessore, infatti è acquistabile a 145 sterline nel Regno Unito e a 180 dollari negli USA. Non è noto quando sarà disponibile in Italia.