QR code per la pagina originale

iPhone 6 su eBay, attenzione alla truffe

Fioccano su eBay venditori che offrono la possibilità di preordinare i nuovi iPhone 6 a prezzi gonfiati. Attenzione alle truffe ed ai falsi venditori

,

L’Apple iPhone 6 è già prenotabile su eBay. Non si tratta di un’operazione ufficiale ma di iniziative di singoli utenti che nella maggior parte dei casi intendono sfruttare l’hype dei prodotti Apple per specularci. Provando infatti a ricercare su eBay il termine “Apple iPhone 6” compare un nutrito elenco di utenti che offrono la possibilità di preordinare l’iPhone 6 o l’iPhone 6 Plus per poterli ricevere immediatamente al day one, ma ad un prezzo davvero esagerato.

Per esempio, spulciando tra le offerte, non è difficile trovare la possibilità di preordinare un iPhone 6 Plus 128 GB a quasi 2200 euro. Da rilevare che i prezzi più “esagerati” sono quelli collegati all’iPhone 6 Plus, mentre le offerte legate all’iPhone 6 sono più equilibrate, anche se nella maggior parte dei casi i prezzi offerti sono comunque superiori a quelli ufficiali di listino. L’invito è di prestare molta attenzione a queste offerte. Come prima cosa è di fondamentale importanza verificare i feedback del venditore per controllare la sua affidabilità ed è di assoluta importanza diffidare dei nuovi inserzionisti che potrebbero spuntare come funghi in queste occasioni.

L’Apple iPhone 6, anche nella sua variante Plus, arriverà in Italia tra poche settimane e dunque l’attesa non sarà lunga come in passato. Dunque la scelta migliore è sicuramente quella di affidarsi ai canali di vendita ufficiali piuttosto che ai venditori improvvisati su eBay. Quindi, anche se la febbre da iPhone 6 è molto alta in queste ore, prima di tirare fuori la carta di credito è meglio attendere qualche giorno in più per poter comprare in tutta sicurezza da un rivenditore autorizzato.

Ma se proprio non si riesce a resistere ed il budget non è un problema, attenzione ai furbetti ed alle truffe online che nelle prossime ore spunteranno probabilmente come funghi per speculare sui fan Apple più ortodossi.