QR code per la pagina originale

Google Maps Views sostituirà Panoramio

La piattaforma Panoramio, acquisita negli anni scorsi da Google, sarà rimpiazzata dal nuovo servizio Maps Views per la condivisione delle fotografie.

,

Fin dal 2005 Panoramio ha avuto una community di fotografi talentuosi che ci ha aiutati a costruire la più grande collezione di immagini geolocalizzate, permettendo alle persone di esplorare virtualmente tutto il mondo su Google Maps e Google Earth.

Così si apre l’intervento firmato da Evan Rapoport, product manager di bigG, che annuncio l’intenzione del motore di ricerca di chiudere in futuro la piattaforma Panoramio (acquisita dal gruppo nel maggio 2007) e rimpiazzarla con Google Maps Views.

Durante lo scorso anno abbiamo creato una community simile in Views, consentendo la pubblicazione di contenuti geolocalizzati (scatti Photo Sphere e fotografie tradizionali) in Google Maps. Per il futuro abbiamo in programma di migrare da Panoramio a Views, dando vita ad un’unica destinazione dove pubblicare e trovare le immagini di tutto il mondo.

Maps Views, per chi non ne fosse a conoscenza, è la piattaforma lanciata nel 2013 da Google per consentire agli utenti il caricamento e la condivisione di contenuti fotografici correlati da informazioni di geolocalizzazione. Ne sono un esempio gli scatti panoramici a 360 gradi Photo Sphere realizzati con i dispositivi Android, ma anche le immagini tradizionali.

Una raccolta di immagini disponibili su Panoramio

Una raccolta di immagini disponibili su Panoramio

Prima di effettuare la migrazione di tutto il database fotografico ci assicureremo che Views abbia raggiunto un livello di maturità tale da soddisfare le esigenze della community. Non ci siamo ancora arrivati, ma siamo al lavoro per raggiungere l’obiettivo. Nel frattempo potete continuare ad utilizzare Panoramio come sempre, sapendo che una volta pronto Views vi aiuteremo ad effettuare la transizione.

La chiusura di Panoramio è dunque cosa certa, anche se al momento non ci sono conferme sulle tempistiche necessarie per la sostituzione da parte di Google Maps Views. In chiusura del suo intervento Rapaport sottolinea l’impegno profuso per far sì che il servizio possa continuare a offrire gli stessi strumenti che ne hanno decretato il successo.

La nostra intenzione è quella di fornire una piattaforma che sappia fornire a fotografi e amanti della fotografia un luogo in cui condividere la propria passione. Al tempo stesso, desideriamo aiutare gli utenti Google Maps di tutto il mondo ad esplorare il pianeta per decidere dove andare, conoscere la bellezza dei panorami che hanno sempre sognato o più semplicemente visitare un ristorante nelle vicinanze.

Fonte: Google Gruppi • Notizie su: