QR code per la pagina originale

Telecom Italia parla francese

Finisce l'avventura di Telefonica in Telecom Italia. I Francesi di Vivendi acquisiscono il 5,7% del gruppo e conquistano la quota di maggioranza

,

Telecom Italia “parla” adesso francese. Finisce infatti oggi l’avventura degli spagnoli di Telefonica come azionisti di punta del gruppo di telecomunicazioni italiano. Nella giornata di oggi, Vivendi ha approvato l’operazione di cessione della filiale brasiliana Gvt al gruppo di telecomunicazioni spagnolo. Vivendi otterrà così da questa operazione il 5,7% di Telecom Italia pari al’8,3% dei diritti di voto diventando così uno degli maggiori azionisti del gruppo. Telefonica oggi detiene il 14,8% delle azioni ma il 6,5% è stato congelato a seguito dell’emissione di un bond convertibile da 750 milioni.

A Telefonica, una volta perfezionata l’operazione, rimarranno solo le briciole visto che entro la metà del 2015 si troverà a detenere una partecipazione pari solamente al 2,6%, senza diritti di voto. L’avventura di Telefonica era iniziata nel 2007 con il passaggio di consegne della quota di riferimento della società di tlc italiana da Olimpia (Pirelli) a Telco, la scatola che detiene il 22,4% delle azioni di Telecom Italia. Telco che, si ricorda, è in via di scioglimento di cui oltre a Telefonica fanno parte anche tra gli altri Mediobanca (con l’1,64% del capitale), Generali (4,32%), Intesa Sanpaolo (1,64%), Findim (Marco Fossati al 4,98%) e People Bank of China (2,081%).

Da rilevare anche un’altro aspetto importante, Vincent Bolloré, il finanziere francese dietro a Vivendi è anche il secondo azionista di Mediobanca, con il 7,45% (e l’autorizzazione a salire all’8%) ed è presente nel capitale di Generali. Telecom Italia diventa dunque sempre di più una public company, con Marco Fossati (azionista con il 5% dei titoli) e Vivendi i principali azionisti. Nei prossimi mesi, infatti, dovrebbero uscire dall’azionariato anche i soci storici Mediobanca (con l’1,64% del capitale), Generali (4,32%) e Intesa Sanpaolo (1,64%).

L’uscita di scena di Telefonica e l’entrata di Vivendi potrebbero rivoluzionare i futuri piani operativi di Telecom Italia. Vivendi è una media company francese che in Italia potrebbe puntare alla distribuzione di contenuti digitali sfruttando i servizi in fibra ottica. Il finanziere ha avviato contatti con la famiglia Berlusconi per valutare un investimento, attraverso Canal Plus, in Mediaset Premium dopo che la stessa Telefonica ha rilevato l’11%.

Telecom Italia dal canto suo, ha già stretto un accordo con Sky per portare, a partire dal 2015, l’offerta del canale satellitare ai suoi clienti in fibra ottica.