QR code per la pagina originale

Adobe porta Photoshop sui Chromebook

Project Photoshop Streaming è la versione cloud del software che può essere eseguita con un Chromebook o con Chrome su Windows.

,

I Chromebook sono dispositivi che richiedono necessariamente una connessione ad Internet, sebbene siano disponibili diverse applicazioni che funzionano offline, come Google Drive e Gmail. Molte applicazioni desktop però devono essere installati sul disco locale. Adobe ha annunciato una partnership con Google per portare sui Chromebook la suite Creative Cloud. Inizialmente, l’accesso alla beta di Photoshop è consentito solo agli utenti education statunitensi che hanno già un abbonamento.

Il noto software di fotoritocco verrà eseguito sulla nuvola, quindi gli utenti avranno bisogno di una connessione abbastanza veloce. I requisiti minimi sono 5 Mbps e una latenza non superiore a 250 millisecondi. La versione streaming di Photoshop include quasi tutte le funzionalità del “gemello” desktop con alcune differenze e limitazioni. Ovviamente è necessario accedere all’applicazione tramite un Chromebook o il browser Chrome su Windows. L’utente lavorerà quindi in un ambiente virtualizzato. Ciò consentirà di aprire, salvare, esportare e recuperare i file da Google Drive.

Photoshop Streaming non può chiaramente sfruttare la potenza della scheda video, in quanto l’esecuzione avviene sul cloud. Quindi non sono supportate le funzionalità che dipendono dalla GPU. Inoltre, non è possibile utilizzare scanner e stampanti. Il progetto è attualmente in beta, per cui Adobe potrebbe aggiungere il supporto mediante futuri aggiornamenti.

L’azienda specifica che tutte le modifiche effettuate alle immagini non verranno perse perché, in caso di caduta della connessione, sarà possibile ripristinare i file dalla cartella Photoshop Recovery creata in Google Drive. Gli utenti che parteciperanno alla fase di test potranno usare Photoshop Streaming per sei mesi.

Fonte: The Verge • Notizie su: , ,