QR code per la pagina originale

Google Project Ara a inizio 2015 con Android L

Lo smartphone modulare Project Ara debutterà a inizio 2015 con una versione modificata di Android L: si potranno cambiare i moduli a telefono accesso.

,

Paul Eremenko ha recentemente annunciato particolari novità riguardo Project Ara, l’innovativo progetto Google che sarà disponibile sul mercato nei primi mesi del 2015 e userà una versione modificata di Android L, che renderà possibile l’hot swapping dei moduli.

Project Ara potrebbe cambiare per sempre il tipo di controllo che un utente ha sull’hardware di uno smartphone e il primo prototipo completamente funzionale sarà mostrato dalla prossima conferenza dedicata ai developer, che avrà luogo a dicembre. L’idea alla base del progetto è quella di poter aggiungere e modificare i moduli hardware desiderati in base alle esigenze di ogni utente, ma come è possibile tale approccio innovativo?

Eremenko ha spiegato sul palcoscenico del Linaro Connect che, per attivare l’hardware modulare, Project Ara eseguirà una versione modificata del nuovo Android L, sviluppata in collaborazione con Linaro. Grazie a tale versione, tutti i moduli (tranne la CPU e il display) saranno hot-swap: ciò significa che l’utente avrà la possibilità di cambiare le componenti hardware dello smartphone senza doverlo spegnere. I moduli saranno disponibili attraverso uno store online come Google Play Store e sono numerosissime le aziende partner di Google – sia grandi che piccole – a essere attualmente al lavoro per sviluppare moduli con caratteristiche innovative mai viste prima, ha detto il responsabile del progetto.

Le possibilità di creazione di un telefono Ara del tutto peculiare appaiono attualmente infinite, e ciò è esattamente quello che desidera Google. Lo sviluppo del progetto procede dunque a gonfie vele, sia sul fronte puramente hardware che per quanto ne riguarda la distribuzione: i moduli stessi infatti non saranno difficili da trovare dato che saranno acquistabili semplicemente tramite lo store online.

Fonte: PhoneBlocks • Via: Android Police • Notizie su: ,