QR code per la pagina originale

Imaginieer: la stampa 3D al servizio dei bambini

Imaginieer è la piattaforma dell'azienda spagnola Imaginarium che permette ai bambini di progettare i propri giocattoli con l'ausilio delle stampanti 3D.

,

La versatilità della tecnologia messa a disposizione dalle stampanti 3D permette di impiegarle negli ambiti più svariati: dalla ricostruzione di tessuti ossei alla realizzazione “fai da te” di laptop pienamente funzionanti, dall’industria automobilistica a quella alimentare. Un settore rimasto fino ad oggi inesplorato è quello relativo ai giochi per bambini, ma l’azienda spagnola Imaginarium è pronta a colmare anche questa lacuna.

Il marchio ha infatti presentato Imaginieer, una piattaforma che permette ai più piccoli di prendere confidenza con la stampa in tre dimensioni, realizzando giocattoli mediante un semplice ed intuitivo editor online, direttamente all’interno del browser. Questi possono poi essere acquistati e ricevuti direttamente a domicilio. Al momento i modelli proposti sono due: una macchinina per i maschi (prezzo base 24,95 euro) e una collezione di gioielli per le femmine (da 19,95 euro), ma il numero è destinato a salire in futuro. Partendo dal design base è possibile personalizzarlo inserendo scritte (come nell’esempio seguente), accessori, adesivi e molto altro ancora.

L'editor online di Imaginarium Imaginieer per la creazione dei giocattoli da stampare in 3D

L’editor online di Imaginarium Imaginieer per la creazione dei giocattoli da stampare in 3D

Imaginarium, con il lancio di Imaginieer, mette per la prima volta la tecnologia 3D (a un prezzo accessibile) nelle mani dei bambini, consentendo loro di partecipare attivamente al processo di produzione dei giocattoli e di conoscere, al contempo, questa innovativa e rivoluzionaria tecnologia di produzione.

La spesa richiesta per l’acquisto e la consegna della macchina visibile qui sopra è pari a 29,95 euro, con la spedizione prevista dal 15 ottobre. Il kit venduto da Imaginarium contiene le singole parti da assemblare e le vernici necessarie per colorarle. Il tutto è certificato per l’utilizzo da parte di bambini con un’età minima di sette anni. Un’iniziativa originale, che ha come obiettivo principale quello di avvicinare i più piccoli all’universo della stampa 3D, facendo loro prendere confidenza con una tecnologia che in futuro potrà essere impiegata in modo potenzialmente rivoluzionario all’interno di qualsiasi settore.