QR code per la pagina originale

Facebook app, foto migliori in evidenza

Facebook aggiorna il design della sezione Foto, evidenziando quelle che hanno ricevuto più Like. Le app per iOS e Android mostrano ora una scheda Uploads.

,

Nel corso degli anni, Facebook è diventato un enorme archivio di immagini pubblicate da oltre un miliardo di utenti. L’azienda di Menlo Park ha più volte modificato l’esperienza di visualizzazione e di ricerca delle foto. Le app per iOS e Android verranno presto aggiornate per evidenziare le immagini che hanno ricevuto più “Mi piace”, attraverso un design a collage. Queste foto avranno una dimensione maggiore rispetto alle altre. È stata inoltre aggiunta una scheda “Uploads”.

Queste due novità sono indirizzate principalmente agli utenti che trascorrono molto tempo a sfogliare ed esprimere il proprio gradimento per le foto condivise dagli amici. Le nuove funzionalità dovrebbero essere visibili nelle prossime ore per tutti gli utenti iOS e Android. L’aggiornamento verrà effettuato sul backend, quindi non richiede il download di un update. Le foto che hanno ricevuto più “Like” sono visualizzate all’interno di un riquadro di maggiori dimensioni (fino a sei volte più grande), mentre le altre verranno affiancate per formare un collage.

Il processo avviene in modo automatico, per cui non è possibile deselezionare la foto “in evidenza”. Nel 2012 era stata introdotta sul web una modalità che consentiva di scegliere una foto preferita (cliccando una stella) e di aumentare le sue dimensioni di quattro volte, ma pochi hanno notato la feature o perso tempo nella selezione manuale.

Il collage evidenzia la foto che ha ricevuto più "Mi piace".

Il collage evidenzia la foto che ha ricevuto più “Mi piace”.

La nuova scheda “Uploads” mostra invece tutte le foto riferite ad un luogo o evento. Si tratta di una novità che verrà apprezzata soprattutto da coloro che organizzano le immagini per tipo e data. Gli album verranno identificato tramite una grande foto di copertina. Non ci sarà più un elenco di nomi e miniature quasi invisibili.

Fonte: TechCrunch • Immagine: Digital Trends • Notizie su: ,