QR code per la pagina originale

Street View nel rifugio più alto d’Europa

Il Trekker di Google Street View arriva alla Capanna Regina Margherita, il rifugio più alto d'Europa, situato a 4.554 metri nel gruppo del Monte Rosa.

,

Il database di Street View si arricchisce oggi di una nuova collezione fotografica, tutta dedicata agli amanti della montagna. Grazie all’utilizzo del Trekker (visibile nell’immagine di apertura), uno zaino hi-tech da 18 Kg equipaggiato con 15 fotocamere e basato su Android, è possibile entrare nel rifugio più alto d’Europa, la Capanna Regina Margherita situata sulla vetta della punta Gnifetti nel gruppo del Monte Rosa, a quota 4.554 metri.

Per poter raggiungere la destinazione sono stati necessari cinque giorni di lavoro, un operatore esperto di escursionismo e la collaborazione di due guide alpine. Il CAI (Club Alpino Italiano) ha sostenuto il progetto permettendo l’accesso al rifugio per la mappatura fotografica. Stando comodamente seduti di fronte al monitor è dunque possibile percorrere il tragitto che porta dalla funivia di Alagna Valsesia al Rifugio Gnifetti (3.647 metri) e alla Capanna Regina Margherita. Le immagini panoramiche a 360 gradi sono state scattate da Marco Masserini, bergamasco con una grande passione per la montagna. Queste le sue parole, riportate oggi sul blog ufficiale di Google.

È stata un’avventura tanto emozionante quanto faticosa: ci sono volute otto ore per raggiungere la Capanna Margherita dal Rifugio Gnifetti e tre ore per scendere. Camminare per ore nella neve fresca fino al ginocchio con l’attrezzatura in spalla è stata una grande responsabilità, ma il risultato finale è una grande soddisfazione.

L'interno del Rifugio Regina Margherita fotografato dal team di Street View

L’interno del Rifugio Regina Margherita fotografato dal team di Street View

Non è la prima volta che Street View si avventura in alta quota. Lo scorso anno il team al lavoro sulla piattaforma ha scalato Everest e Kilimangiaro per consentire a tutti di ammirarne i rispettivi panorami. Lo stesso è avvenuto con l’Aconcagua sulle Ande argentine e con il Monte Elbrus in Russia.