QR code per la pagina originale

Un casting per la mascotte di Android L

Google scherza con il nome della nuova "L release" di Android, pubblicato un filmato che simula il casting per la selezione della mascotte ufficiale.

,

Lemon Meringue Pie, Lava Cake, Lady Finger, Lemon Drop. Sono alcuni dei nomi che Google potrebbe aver scelto per la “L release” del suo sistema operativo mobile, il cui debutto è ormai alle porte. Negli ultimi giorni se ne è parlato molto, formulando le ipotesi più svariate su come il motore di ricerca abbia deciso di chiamare Android 5.0. Oggi il gruppo di Mountain View pubblica un video piuttosto divertente in merito.

Poco più di 30 secondi per immaginare come sarebbe il casting per selezionare la mascotte ufficiale della piattaforma. Mancano però Lollipop e Licorice, i due appellativi più probabili, stando ad uno screenshot comparso nel Chrome Issue Tracker e all’autore delle statue del robottino verde che stazionano nel cortile di bigG. Le conferme potrebbero arrivare già nella giornata di oggi, in concomitanza con l’annuncio dei nuovi dispositivi della linea Nexus, ovvero un tablet da 8,9 pollici realizzato in collaborazione con HTC e uno smartphone (o per meglio dire un phablet) da 5,9 pollici progettato in partnership con Motorola, avvistato ieri con un primo render non ufficiale.

Con il filmato in questione Google dimostra ancora una volta la propria capacità di non prendersi troppo sul serio, di ironizzare su ciò che almeno per il prossimo anno andrà a costituire il suo prodotto di punta nell’ambito mobile, almeno dal punto di vista software. Tra le novità più importanti introdotte dal sistema operativo c’è il Material Design, che andrà a rivoluzionare l’interfaccia della piattaforma rimasta pressoché invariata fin dai tempi di Ice Cream Sandwich. Non mancheranno poi un incremento prestazionale (grazie al runtime system ART) e funzionalità dedicate al risparmio energetico (Project Volta e Battery Historian), utili per prolungare la durata della batteria, che ancora oggi rimane uno dei talloni d’Achille per i dispositivi mobile.

Notizie su: ,