QR code per la pagina originale

OneGet, il package manager di Windows 10

OneGet è parte di PowerShell e consente di cercare, scaricare e installare, mediante riga di comando, le applicazioni che sono conservate in un repository.

,

Microsoft ha integrato in Windows 10 diverse novità indirizzati ai cosiddetti power user. Dopo i desktop virtuali, un’altra nota funzionalità di Linux è stata inclusa nel nuovo sistema operativo: il package manager. Il suo nome è OneGet e permette di utilizzare i comandi di PowerShell per cercare, installare e aggiornare le applicazioni. Si tratta chiaramente di un tool pensato soprattutto per gli amministratori IT che devono gestire più computer, ma verrà sicuramente apprezzato anche dagli utenti esperti.

Tutte le applicazioni di Windows, tranne quelle che possono essere eseguite direttamente, vengono distribuite con il proprio installer che permette anche di correggere l’installazione e di procedere alla loro disinstallazione. Una procedura lunga e noiosa (la classica successione di “avanti, avanti e fine”) se il numero di software è molto elevato. Un package manager, invece, consente di gestire le applicazioni mediante riga di comando (o meglio una GUI) da un unico repository, ovvero un archivio che contiene tutti i file “sorgente”.

OneGet è disponibile come parte di Windows Management Framework 5.0 Preview per Windows 8.1 e sfrutta il repository di Chocolatey. Gli utenti che usano la recente build di Windows 10 Technical Preview troveranno il package manager incluso in PowerShell. Nella versione finale del sistema operativo sarà possibile aggiungere altri repository, cercare, scaricare e installare/disinstallare i pacchetti (le applicazioni) con comandi del tipo “Find-Package“, “Get-Package“, “Get-PackageSource“, “Install-Package” e “Uninstall-Package“.

OneGet, come i package manager di Linux, permetterà installare tutti i software e gli aggiornamenti con un singolo comando o con pochi clic, se Microsoft svilupperà un’interfaccia grafica. L’azienda di Redmond ha già annunciato che le applicazioni desktop verranno elencate nel Windows Store. Teoricamente potrebbe integrare OneGet nello store per semplificare il download dei software.

Fonte: How-To Geek • Notizie su: , ,