QR code per la pagina originale

Trent Reznor con Apple per un progetto segreto

Trent Reznor, leader storico dei Nine Inch Nails, conferma di essere al lavoro con Apple per un progetto segretissimo legato alla distribuzione di musica.

,

Trent Reznor, frontman storico dei Nine Inch Nails, è al lavoro in quel di Cupertino per un segretissimo progetto musicale. È quanto il musicista ha dichiarato in un’intervista per Billboard, dove ha confermato il suo coinvolgimento con Apple sin dall’annuncio dell’acquisizione di Beats. Ancora sconosciuti, tuttavia, i contorni.

Volto controverso dell’industrial degli anni ’90, spesso criticato dai media generalisti per canzoni e video d’impatto come “Closer” e “The Perfect Drug”, il lavoro di Trent Reznor si è sempre caratterizzato per una sperimentazione maniacale. Negli ultimi anni con i Nine Inch Nails ha inglobato nella musica e cavalcato la tecnologia informatica, firmando anche sonorizzazioni suggestive nonché colonne sonore per il cinema. E ora l’approdo in Apple, non è dato ben sapere se per un servizio di distribuzione musicale o un vero e proprio nuovo dispositivo dedicato agli audiofili.

Il musicista ha spiegato alla testata statunitense come non stia componendo nuova musica per Apple, bensì come prediliga la “progettazione di alcuni prodotti” da una “posizione unica”.

Sono completamente immerso al momento: è impegnativo, è sconosciuto ed è un po’ tutto quello che ho sempre desiderato.

Reznor, il quale si dichiara un fan Apple di lungo corso, non ha voluto rivelare altri dettagli su un progetto che lo porterà a lasciare la sua firma accanto alla mela morsicata. Si è però espresso, su sollecitazione del giornalista, sulle polemiche che hanno coinvolto il lancio gratuito dell’album degli U2 su iTunes. L’artista spiega come probabilmente si sarebbe dovuta prevedere un’opzione per il download manuale del disco anziché includerlo automaticamente nelle librerie iTunes, ma sottolinea come il gruppo irlandese e il leader Bono siano stati mossi della più buone intenzioni:

Ero con Bono quel giorno. Ero all’evento Apple e siamo usciti insieme poco dopo. Prova grande orgoglio per un disco su cui ha speso molti anni. Mi è parso molto orgoglioso di quel che fa fatto.

E chissà che una futura opera targata Nine Inch Nails non subisca lo stesso trattamento privilegiato.