QR code per la pagina originale

Prynt trasforma lo smartphone in una Polaroid

Arriva Prynt, una particolare cover per smartphone che trasforma il telefono in una fotocamera Polaroid, capace di stampare le proprie foto.

,

La startup Prynt ha realizzato una cover per smartphone davvero unica che trasforma il telefono in una mini fotocamera Polaroid, capace di far condividere selfie e fotografie ai propri amici ma in senso fisico. È infatti dotata di una piccola stampante, proprio come le vecchie Polaroid.

Come tutti i case, Prynt offre una protezione per il proprio smartphone ma la piccola startup francese che si occupa del progetto ha lavorato, dallo scorso gennaio a ora, per trasformare lo smartphone in una vera e propria macchina fotografica Polaroid in miniatura. Chiunque ricorda le Polaroid, le fotocamere più amate degli anni pre-2000: punta e scatta, permettevano di scattare un’immagine e di ottenerla istantaneamente su carta, così da non doversi rivolgere al fotografo professionista.

Prynt riprende il medesimo concetto e costerà solo 99 dollari nel momento in cui sarà introdotta su Kickstarter, all’inizio del prossimo anno. Sarà in grado di supportare tutti i telefoni di punta con schermi più ampi di 4 pollici; molte delle sue componenti provengono da Shenzen (Cina), e il processo di funzionamento è molto semplice: il case utilizza la connettività Bluetooth per ricevere la fotografia dal telefono e usa una mini stampante per crearla.

Al momento, il prototipo sviluppato richiede circa 50 secondi per stampare una foto su carta ed è possibile inserirvi solo un foglio alla volta. La versione finale, quella destinata al pubblico, dovrebbe invece disporre di una capacità tra i 20 e i 30 fogli di carta per volta e non dovrebbe rubare più di 30 secondi di tempo per stamparla. Nonostante la tecnologia integrata, il case apparirà ugualmente elegante e potrebbe attirare tutti coloro i quali amano ancora conservare davvero le proprie fotografie, piuttosto che pubblicarle solo su Facebook e sugli altri social network.

Fonte: TechCrunch • Via: Ubergizmo • Notizie su: ,