QR code per la pagina originale

Tutte le novità di Google Play Services 6.5

Rilasciato un nuovo aggiornamento per Google Play Services, che giunge così alla versione 6.5: tante le novità introdotte per Maps, Drive, Wallet e Fit.

,

Con l’obiettivo di offrire un’integrazione ancora più elevata dei prodotti Google all’interno delle app, siamo felici di avviare il rollout per l’ultima versione di Google Play Services. La 6.5 include nuove funzionalità per Maps, Drive, Wallet e l’API Fit lanciata di recente. Mettiamo inoltre a disposizione degli sviluppatori un maggior controllo sulle API utilizzate nelle applicazioni.

Così si apre il post comparso sul blog ufficiale di Android dedicato agli sviluppatori. L’oggetto dell’intervento è il rilascio di Google Play Services 6.5, che introduce una lunga serie di novità. Queste andranno a integrarsi nelle app messe a disposizione degli utenti in ambito Android. Di seguito quelle più importanti.

Google Maps

Google ha reso più semplice ottenere indicazioni stradali per raggiungere un luogo direttamente all’interno di un’app. L’API di Maps offre una toolbar che permette agli utenti di aprire Google Maps e ottenere subito le indicazioni o avviare la navigazione passo-passo fino alla destinazione. Introdotta inoltre la cosiddetta Lite Mode, ovvero una visualizzazione semplificata delle mappe.

Google Drive

Gli sviluppatori possono aggiungere proprietà pubbliche o private ad un file salvato sui server di Google Drive. Inoltre, per influire meno sulla batteria è possibile posticipare l’upload dei file o la loro sincronizzazione in base al tipo di connessione attiva o al livello di carica.

Google Wallet

Introdotto il pulsante “Dona con Google” (a fianco del già presente “Compra con Google”), per consentire agli utenti di effettuare una donazione attraverso Google Wallet.

Google Fit

Migliora il monitoraggio dell’attività fisica tramite le app compatibili con Google Fit. Aggiunti inoltre alcuni esempi utili per gli sviluppatori che desiderano prendere confidenza con la tecnologia.

Oltre alle novità già descritte, il gruppo di Mountain View semplifica la gestione delle API, aiutando in questo modo chi sviluppa a mantenere pulito e snello il codice delle proprie applicazioni, sfruttando solo le componenti di Google Play Services che si desidera ed escludendo quelle superflue. Il rollout della versione 6.5 ha già preso il via e sarà completato nei prossimi giorni.