QR code per la pagina originale

K-Max e Indago, elicottero e drone antincendio

Lockheed Martin ha mostrato il funzionamento di un elicottero senza pilota che può spegnere un incendio individuato da un piccolo quadricottero.

,

Esistono molte attività pericolose per l’uomo che possono essere svolte dalle macchine. Una di queste è spegnere gli incendi che scoppiano soprattutto in estate. Lockheed Martin ha quindi deciso di realizzare un elicottero senza pilota (K-Max) che può scaricare sul fuoco oltre 10 tonnellate di acqua in un’ora. Un drone (Indago) trova il luogo dell’incendio e invia i dati all’operatore che comanda l’elicottero.

K-Max è prodotto da Kaman Aerospace ed è stato trasformato in un velivolo UAS (Unmanned Aircraft System) da Lockheed Martin. L’elicottero è stato usato in Afghanistan per il trasporto dei rifornimenti ai soldati statunitensi che si trovavano in zone troppo pericolose per un pilota umano. K-Max verrà ora utilizzato come elicottero antincendio. Ma per svolgere il suo lavoro ha bisogno di un compagno. Indago è un quadricottero utilizzato per applicazioni militari, civili e commerciali equipaggiato con una videocamera ad infrarossi che identifica l’incendio, segnalando la posizione al centro di controllo.

L’operatore invia le coordinate all’elicottero che, in autonomia, raggiunge il luogo indicato e scarica sul fuoco l’acqua contenuta nel serbatoio collegato nella parte inferiore. Il velivolo si dirige quindi verso lo stagno più vicino per il rifornimento, come si può vedere nel video dimostrativo registrato a New York all’inizio del mese.

Rispetto ad un pilota umano, K-Max offre diversi vantaggi: può volare di notte, può avvicinarsi alle cime degli alberi anche in condizioni di scarsa visibilità e può lavorare ininterrottamente (si ferma solo per il rifornimento di carburante ogni due ore e mezza). L’elicottero consente quindi di attaccare subito l’incendio, prima che si espanda in maniera incontrollata. K-Max può inoltre trasportare carichi pesanti, come gli ATV, oppure per evacuare persone ferite in situazioni di emergenza. I primi test sul campo sono previsti nel corso della prossima estate.

Fonte: Lockheed Martin • Via: Wired • Notizie su: ,